Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

​LORENA BARICALLA

IL TALENTO DELLA CLASSE

Di Antonio Vistocco

 


Artista internazionale dai molteplici talenti, Lorena Baricalla è Etoile, Cantante ed Attrice nonchè Coreografa, Writer e Produttrice. Inoltre presenta grandi eventi come Master of Ceremonies, è Fashion Testimonial per aziende di moda e gioielli, e rappresenta come Ambasciatrice importanti progetti internazionali. Si è esibita in più di 35 paesi nel mondo, in teatro ed in televisione. Nata da una famiglia di Monaco da più di 5 generazioni con origini italiane, francesi, ceche e tedesche, vive da sempre a Monte-Carlo. Diplomatasi col massimo dei voti presso l’Accademia «Principessa Grace» di Monte-Carlo, ha iniziato la sua carriera interpretando i primi ruoli ai Balletti di Monte-Carlo: Sheherazade, La Sirena nel ”Figliol Prodigo”, la Marchesa in ”Marco Spada”, la Gitana ne ”I deux Pigeons”, ”la Bisbetica Domata”, La Dama Rossa in ”Gaitée Parisienne”, la Favorita nel ”Principe Igor”, danzando le opere dei maggiori coreografi del secolo, da Balanchine a Ashton, da Forsythe ai Balletti Russi di Diaghilev. E’ stata inoltre più volte l’étoile dei Galà della Festa Nazionale in onore del Principe di Monaco. Artista eclettica ha fondato, in seguito, Promo Art Monte-Carlo Production, società di produzione internazionale, che la produce attualmente come artista, specializzata nella concezione e realizzazione di progetti di Entertainment, grandi eventi e spettacoli. Questo gli permette di dare maggiore ampiezza alla sua carriera unendo alle sue capacità di étoile e coreografa anche quelle di cantante ed attrice. Lorena Baricalla ha inoltre creato la “Méthode Russe de Monte-Carlo de Lorena Baricalla”, che sostiene i giovani ballerini e le scuole di danza.

Quanto per lei è stato un percorso naturale seguire la danza?
Ho scoperto la danza all’età di 4 anni, per puro caso mi sono ritrovata in una sala di danza, dove ad un certo punto mi hanno chiesto se volevo unirmi alle altre bambine. Da allora non mi sono più fermata di ballare!

Per me è stata come un’evidenza diventare ballerina ed essere un’artista. Non posso dire che sia stata una scelta ma piuttosto un destino: una passione che si è trasformata in vocazione ed infine in missione! Bisogna per questo lavorare molto, avere tanta disciplina e soprattutto non scoraggiarsi mai perché il settore dello spettacolo è un ambiente difficile sia per imparare il mestiere sia per viverlo professionalmente. Ma sono stata fortunata ed ho avuto grazie al mio lavoro immense soddisfazioni e continuo ad avere molte interessanti proposte e bellissimi progetti.

Tra tutti i ruoli danzati al quale è più affezionata e per quale motivo?
Ho amato tutti i miei ruoli. Mi considero prima di tutto un’interprete. Amo i ruoli intensi e passionali, così come i ruoli drammatici o comici. Mi è piaciuto molto interpretare l’affascinante “Sheherazade”, la seducente “Gitana”, l’ammaliante Sirena del “Figliol Prodigo” di Balanchine o la buffa “Bisbetica” ai Balletti di Monte-Carlo. O a seguito, su mie coreografie, la romantica “Sirena”, la forte “Penelope”, e la focosa “Carmen”, che ho nuovamente interpretato un mese fa in una mia nuova versione coreografica a Monte-Carlo. Mi sono divertita molto ad interpretare “My Fair Lady” o “Satine” in Moulin Rouge nelle mie commedie musicali così come il ruolo di “Trinity” in Matrix e della “Coquette” in “Belle Epoque Cancan”, due ruoli agli antipodi!

Su scena inoltre non si interpreta sempre il personaggio di una storia, ci sono ruoli più astratti e non necessariamente narrativi, ma è qui che si deve saper tirare fuori la propria personalità e trasmettere emozioni al pubblico.

Il palcoscenico grazie all’energia che si dà e che si riceve dal pubblico permette di vivere momenti di vera perfezione e questo dona una grande adrenalina.

Come è nata la “Méthode Russe de Monte-Carlo de Lorena Baricalla” ?
L’idea della “Méthode” è nata per sostenere i giovani ballerini e le Scuole di Danza.

Da anni in parallelo alla mia carriera artistica ho sviluppato una visione didattica. Penso sia importante trasmettere la propria esperienza. Provengo dalla scuola russa sviluppatasi a Monte-Carlo dai tempi di Diaghilev, ho lavorato con tantissime persone ed ho messo a punto su me stessa un allenamento molto funzionale e dinamico a livello muscolare. Per tanto ho realizzato un programma di studio accademico basato su criteri internazionali per allievi, ballerini e Maestri di Danza. Ho creato quella che si può definire un’Accademia “globale” dando la possibilità a tutte le Scuole serie di accedervi affiliandosi, e questo è innovativo. La “Méthode” inoltre è un sistema di valutazione unico che permette di situare l’allievo nel panorama internazionale della danza secondo 14 livelli di studio che portano fino al professionismo o a livelli amatoriali di qualità.

Ogni anno si tiene a Monte-Carlo l’Evento con Esami Internazionali che riunisce una selezione di oltre un centinaio di allievi delle scuole affiliate, étoiles della danza con me in Giuria, importanti artisti internazionali e personalità della moda, arte e comunicazione nel Comitato d’Onore. Tutto ciò è volto a dare un esempio positivo ai giovani e sostegno attraverso le borse di studio. L’evento si terrà il 21 e 22 Aprile prossimo nel prestigioso Auditorium di Monte-Carlo.

Lei ha anche creato da anni la sua società di produzione, la PromoArt Monte-Carlo Production, che realizza spettacoli, eventi e progetti di entertainment in tutta Europa, negli Emirati, in America, ci spiega meglio di cosa si tratta?

Ho desiderato creare la mia società di produzione un po’ sul modello americano e questo per ampliare le mie possibilità artistiche, non solo come ballerina e coreografa ma anche come attrice e cantante. Da allora la Promo Art Monte-Carlo Production, che porto avanti insieme al mio manager Tino Genovese, ha prodotto i miei spettacoli (con cast fino a 100 artisti e 250 costumi,…) e sviluppa numerosi progetti nel settore dell’entertainment a livello internazionale.

Nella sua carriera c’è stato qualche punto di riferimento per lei?

Non ho punti di riferimento in particolare ma ho la facilità di attingere a tutti i protagonisti con i quali ho lavorato e lavoro. Penso ci sia sempre da imparare ed ogni volta che incontro un nuovo artista cerco di assorbire tutto quanto vedo di positivo ed interessante. Ho avuto la fortuna di essere in contatto coi più grandi sia ne settore della danza, del canto, della recitazione o dello sport.

Ho danzato agli inizi di carriera con il grande Rudolf Nureyev, ho recentemente cantato condividendo il palco con José Carreras e con Armando Ariostini. Nel settore del cinema ho lavorato con Roger Moore e con Armand Assante, vincitore di un Golden Globe. Garry Kasparov, campione del mondo di scacchi ha presentato il mio spettacolo “Checkmate”….ho dialogato come Master of Ceremonies con i piu grandi campioni del mondo, da Giacomo Agostini a Mika Hakkinen…

Tutti questi scambi arricchiscono molto e dimostrano che in tutti i settori la professionalità è fatta di dedizione, disciplina e serio lavoro. Con la maggior parte di loro sono oramai in rapporti di amicizia.

Tre cose fondamentali nella sua vita quali sono?
Penso che raggiungere il proprio equilibrio sia fondamentale per tutti e questo grazie a 3 cose: essere sé stessi, avere passione per ciò che si fa, ed inesauribile energia per battersi positivamente nella vita. In questo quadro rientrano tutti gli aspetti privati e professionali della propria esistenza.

Quali passioni coltiva oltre il suo lavoro?
Ho potuto riunire tutte le mie passioni facendone un mestiere.
Ho iniziato come etoile classica ma ad un certo punto è stato naturale per me diventare coreografa, mettendomi in scena insieme al corpo di ballo.

Ho sempre amato darmi delle nuove challenges ed il canto e la recitazione sono entrati a far parte di me e del mio modo di esprimere me stessa come artista. Sono come lingue diverse ma ognuna dice la stessa cosa.. Non credo nelle persone
monotematiche e capaci a fare una cosa soltanto. Per me essere artisti vuol dire sapersi trasformare, evolvere ed essere eclettici.

Inoltre ho iniziato a presentare come Master of Ceremonies in 5 lingue grandi eventi internazionali. Posso anche parlare di moda, che amo molto. Qui nel Principato abbiamo avuto una grande icona di stile: la Principessa Grace. Da un po’ di anni la moda mi ha cercata e gli stilisti mi richiedono come testimonial per indossare i loro brands per i red carpet, i grandi eventi o shooting fotografici… Collaboro con numerosi brand di abbigliamento, scarpe, gioielli ed orologi luxury….

Ogni abito è per me come un costume sul palcoscenico della vita. Per questo mi piace interpretare ogni outfit: l’atteggiamento cambia a seconda di cosa si indossa.

Dei tanti eventi importanti che ha presieduto nel Principato quale ricorda sempre con grande piacere?
Sicuramente essere stata l’etoile per 3 Gala della Festa Nazionale in onore del Principe di Monaco rimane un grande ricordo. Ho un ottimo rapporto con il principe Alberto, il quale ha assistito a numerosi momenti topici della mia carriera. Il “Gala dei Giochi del Mediterraneo” è stato un altro grande momento: non ricordo di avere mai visto così tante persone nel pubblico, sembravano sedute fino in cielo nell’Arena. 20.000 spettatori dal vivo e milioni in Eurovisione: il giorno dopo mi hanno telefonato da molti paesi! Infine posso nominare tanti spettacoli prodotti dalla Promo Art Monte-Carlo Production quali ultimamente “Origins” nel quale ero presentata da Roger Moore nella mia performance con più di 100 artisti o Checkmate, un musical grandioso che ho interpretato su un palco di 35 metri.

Ho danzato in tutto il mondo, da Tokyo a Mosca ed in America, negli Emirati, in tutta Europa…a Praga, Parigi, Roma, ecc.: 35 paesi ed in ognuno di loro ho vissuto e vivo grandi emozioni.

Lei si moltiplica fra mille impegni. Quali sono i suoi attuali progetti?
Ho al momento alcuni spettacoli in preparazione come artista ed abbiamo alcune produzioni richieste alla Promo Art in cantiere. A breve si svolgerà l’evento della mia Méthode a Monte-Carlo che richiede parecchia preparazione e siamo già nella fase organizzativa della prossima edizione del “Monaco World Sports Legends Award”, gli Oscar dello Sport, che presento come Master of Ceremonies. Una grande vetrina che riunisce le più grandi stars dello sport con la moda, l’arte e lo show.

Progetti futuri da realizzare?
Attualmente avrei alcune idee in rapporto all’America! Ma questo è un progetto molto grosso intitolato “Origins”, un nuovo “world” che si esprime mediante un grande spettacolo per Arene, tre film ed una trilogia di libri che ho scritto. Ho dovuto fare più di 5000 pagine di ricerche sui più antichi testi della Terra per ideare questa saga epica avventurosa e spirituale.

Ultimamente ho anche avuto più proposte cinematografiche in America in ruoli molto interessanti. Vediamo…

Share, , Google Plus, Pinterest,