Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Rita Rondinella

LA GRANDE CLASSE DELLA TRADIZIONE MUSICALE NAPOLETANA


Rita Rondinella, romana di nascita ma di sangue e temperamento napoletani, è figlia d’arte, nipote di grandi attori e cantanti delle scene napoletane come Luciano e Giacomo Rondinella e i fratelli Sportelli. Cresciuta in un ambiente ricco di creatività, ha iniziato da giovanissima la carriera di cantante. Dopo gli esordi come cantante Jazz, ha dato prova di grande duttilità vocale, esibendosi in una lunga serie di concerti e trasmissioni radiofoniche e televisive.
Scritturata per importanti concerti dai più prestigiosi Casinò d’Europa, tra cui Montecarlo, Sanremo e Nizza, è’ stata protagonista di grandi “Gala” al Ritz di Parigi, al Lido di Venezia, al Majestic di Cannes e al Teatro Hotel Des Alpes di Madonna di Campiglio per una serie di spettacoli musicali trasmessi da Raiuno. Ha realizzato quattro album dedicati alla musica leggera e alla musica napoletana classica e moderna. In qualità di soprano ha partecipato a importanti concerti su invito della Comunità Europea a Bruxelles. Dopo queste esperienze, la Rondinella ha sentito la necessità artistica di un ritorno alle sue origini partenopee, dedicandosi esclusivamente alla canzone napoletana.

 

Come nasce la sua passione per la Musica?

Possiamo dire che sono nata con la musica grazie alla mia famiglia a cinque anni già cantavo, la mia famiglia  ha sempre onorato in pieno la musica e la cultura di napoli e grazie ad essa ho appreso anche io questa grande passione che mi porto ancora con me . Diciamo che Napoli e la famiglia Rondinella sono un binomio indissolubile.

Oltre la musica che passione coltiva?
Ho una grande passione per la cucina in generale. Adoro preparare piatti e pietanze , uno dei miei piatti preferiti resta con Peroni al gratin. Devo dire che adoro tutta la cucina napoletana non c’è un piatto banale in essa.

La sua melodia classica napoletana preferita?
Sicuramente “Finestra Vascia” mi piace tantissimo come anche “Era De Maggio”, ma quelle classiche sono tutte belle la scelta per un artista e sempre molto difficile.

Ci parli dei tuoi progetti lavorativi attuali?
Sarò impegnata in concerti, in modo particolare questo mese di ottobre a Dubai, dove come sempre porterò con me tutto il bagaglio ed il repertorio della grande musica classica partenopea e non solo.

Un progetto futuro da realizzare?
Organizzare una grande manifestazione in onore di mio zio Giacomo Rondinella , grande artista, venuto a mancare due anni fa. Un artista a tutto tondo che ha fatto conoscere la musica classica napoletana nel mondo . Lui è stato il primo cantante ad aver inciso Malafemmena, il brano composto e musicato da Totò nel 1951. La sua versione, a oggi, rimane la più celebre mai incisa. Giacomo Rondinella, possiamo affermare, questo  lo dicono i critici e non solo che lui è stato vera star della canzone napoletana.

Share, , Google Plus, Pinterest,