Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

ANDREA MALANDRINO

Un Buon Viaggio con Malandrino

Di FEDERICA DEL RE

 

Andrea, in arte solo Malandrino è un giovane cantautore siciliano ma, figlio del mondo per adozione; curioso, ha esplorato la musica in lungo e in largo con collaborazioni importanti, è stato special Guest in compilation di artisti di fama mondiale del calibro di Bob Sinclair e Timbaland.

Dopo Una con te, uscito questa estate, con il nuovo brano Buon Viaggio, Malandrino ci prende per mano e ci porta nel suo mondo, quello più intimo dove si fanno i conti con le sconfitte, nel profondo del proprio cuore dove rimane il ricordo di chi ci ha resi felici per poi andare via: è lì che si ritrova la voglia di ri-partire per un ennesimo meraviglioso viaggio.

 

 

“Mi sono dato tutto un tempo per sorridere e ricominciare…” questo l’incipit del tuo nuovo singolo Buon Viaggio, parlaci di questo tempo…

Questa è la frase con cui inizia Buon Viaggio, il momento in cui trovo la forza di raccontare la mia lunga apnea, quando solo, ho dovuto trovare il modo ed il tempo per risalire verso la luce. È il tempo che mi do per risorgere, per superare il momento di difficoltà, di dolore: un modo per ritrovare le ali ogni qual volta le perdo. È lì che ricomincio a sognare.

 

 

 

Dopo grandi successi e collaborazioni eccellenti con Warner Music e Hit Mania, ci troviamo di fronte un Malandrino molto diverso, non solo per il colore dei capelli (erano biondi, n.d.r.), Andrea ce lo presenti?

Andrea ride divertito e dice: “In realtà sono sempre in evoluzione, alla ricerca continua di nuovi stimoli e nuove sfide, che se da una parte sono la vera preoccupazione di mia mamma, sono per me fonte di ispirazione e che grazie alla musica e alla scrittura posso indossare.

 

 

 

Sei costantemente in fermento, artisticamente parlando, a cosa stai lavorando?

Sono un po’ scaramantico perciò non dico mai “gatto se non ce l’ho nel sacco”, ma posso dirti che spero di chiudere a breve un progetto che ho in cantiere da anni e poi è pronto l’album al quale ho lavorato molto e gli ultimi due singoli ne sono parte integrante.

 

Se dovessi dare un consiglio a chi si sta avvicinando ora al mondo della musica, cosa ti sentiresti di dire?

Io stesso ho ancora bisogno di consigli, ma scherzi a parte, per prima cosa credo che ci si debba interrogare seriamente su quanta sia la passione, la voglia di vivere di musica: è da lì che parte tutto.

La musica è uno stile di vita. Oggi con l’avvento dei social, i talent, lo streaming sembrerebbe più facile avere visibilità ma è solo illusoria: dura poco ed è ingannevole. Per cui se non si è più che motivati e pronti ad impegnarsi con determinazione è meglio lasciar perdere!

 

 

 

 

Buon Viaggio è una nuova partenza: dove stai andando?

Ancora non lo so, ma col mio nuovo bagaglio e la musica so di poter affrontare qualunque viaggio del quale non mi interessa saperne la meta, ma goderne la bellezza.

Sicuramente questo nuovo singolo è molto importante e vi sono riposti buona parte dei mei sogni.

 

Essere un giovane cantautore di talento ha cambiato la tua vita? In che modo?

Ho messo tanto impegno e fatto sacrifici per raggiungere i traguardi di oggi, so che la strada è ancora lunga e impegnativa, ma la mia vita è cambiata: oggi ho la consapevolezza che questo è il mio mestiere e continuerò a dare il massimo per rispettare gli impegni presi con me stesso, prima di tutto.

 

 

 

Nasci in Sicilia, ma hai vissuto prima a Roma poi a Los Angeles ed ora di nuovo nella capitale. Sei ancora alla ricerca di un “nido” o Roma è diventata la tua casa?

Sono trascorsi già sette anni dal giorno in cui arrivai a Roma la prima volta e certamente sono molto legato; non so dirti se sarà sempre così ma, ora è la mia casa. Ho sempre, comunque nostalgia della mia terra, mi mancano i miei luoghi del cuore, gli amici di sempre e il calore della mia Sicilia.