Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

GIANCLAUDIO CARETTA

Tanti sacrifici per diventare un bravo Attore

Di Federica Del Re

 

Nato e cresciuto in Puglia (Taranto – 25/09/1993), è legatissimo alla sua famiglia ed alla sua città natale.

Si diploma al liceo scientifico e gioca a tennis a livello agonistico. Dopo le superiori lavora come autista del carroattrezzi per il soccorso stradale.

Affascinato dal cinema, si trasferisce a Roma per studiare presso la scuola d’arte drammatica “Artedattore” di Natalia Florenskaia.

Negli anni sperimenta vari metodi formandosi tra Italia e America con Ivana Chubbuck, Bernard Hiller e il premio Oscar Paul Haggis.

Nel 2017 interpreta un poliziotto in borghese coinvolto in una vicenda paranormale nel film “SCARLETT”.

Al teatro Dal Verme di Milano conduce un workshop sul “Giornalismo d’inchiesta”; tra gli ospiti Gianluigi Nuzzi di “Quarto grado”, “Le Iene” e “Striscia”.

A fine anno è co-protagonista del film “ED È SUBITO SERA” con Franco Nero, Gianluca Di Gennaro, Paco De Rosa. Tratto dalla storia vera del giovane Dario Scherillo, ucciso dalla camorra per scambio di persona, Caretta interpreta il figlio di Franco Nero; si ritroveranno tragicamente coinvolti.  Nel 2018 si immedesima in un giovane papà con una vita problematica in “MORS TUA VITA MEA” di Alessandro Prete.

È poi Alex, un disabile omosessuale, nella commedia “LA GOCCIA E IL MARE”, short film diretto da Daniele Falleri.

Assieme a Carlotta Antonelli fa un salto negli anni 60 per dare vita ad una favola d’amore e bullismo, “ARIDA” di Francesco Maria Dominedò.

È poi Stefano De Torres ne “IL GIORNO PIÙ BELLO” di Valter D’Errico, prodotto da Jo Champa. Un ragazzo dai sani principi che però dovrà fare i conti con la sua folle psiche, in totale antitesi con l’apparenza.

Conduce l’evento “Diritti e Doveri di civiltà” con la Vicepresidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia e la Vicesindaca di Milano Anna Scavuzzo.

A luglio 2018 è nel cast americano del film “IN THE TRAP” con David Bailie, Robert Nairne, Jamie Paul, Sonya Cullingford.

A fine 2018 è protagonista nel videoclip italo – francese “SALE” con Loredana Cannata.

Da circa 2 anni continua a formarsi presso l’ “Acting Lab Studio”, laboratorio permanente di Alessandro Prete a Roma.

Attualmente  co-protagonista nel film “Ed è subito sera” di Claudio Insegno dallo scorso 21 marzo al cinema nel film interpreta il figlio di Franco Nero, magistrato che segue da tempo le dinamiche delle faide tra clan camorristi, nelle quali il figlio si troverà spaventosamente coinvolto.  Abbiamo fatto due chiacchiere con  questo giovane attore  della nuova generazione, è sicuramente uno dei più promettenti e di maggior talento del panorama italiano.

 

 

 

 

 

 

 

Ci racconti come ti sei trovato a recitare nel cast di questo film molto atteso “Ed è subito sera” di Claudio Insegno?
È stata un’esperienza serena, piacevole, direi un clima familiare. E quando ciò si unisce alla professionalità, penso sia il connubio perfetto, il meglio che io possa augurarmi anche per il futuro.
Ci puoi svelare qualcosa del tuo personaggio ?
Interpreto Roberto De Martino, miglior amico di Dario Scherillo (Gianluca Di Gennaro), un giovane realmente ucciso dalla Camorra nel 2004 per scambio di persona.
Mio padre, il magistrato Rosario (Franco Nero), segue le indagini sulle faide tra clan, nelle quali mi ritroverò tragicamente coinvolto quando la mia vita, per caso, si intreccerà a quella del camorrista O’Muccus (Paco De Rosa).
Il mio personaggio è un giovane universitario, un ragazzo solare, simpatico, che cerca di realizzarsi e divertirsi; il destino però, gli riserverà l’impensabile.
Che emozione hai provato a lavorare con un grande del Cinema come Franco Nero?
È stato bello, soddisfacente. Per fare questo mestiere si affrontano tanti anni di sacrifici, molto più di quanto si pensi.
Chiunque idealizzi il lavoro dell’attore, prende in considerazione solo la facciata, ma dietro in realtà vi è un mondo, un vissuto intersecatissimo.
Lavorare con Franco è stato come rendere tangibile un risultato dopo un lungo iter.
Ma sono solo all’inizio, la strada è sempre lunga e la cosa più difficile è imparare a godersela mentre la si percorre.
Ho commesso spesso l’errore di “attendere per essere felice”, come una chimera volevo prima toccare con mano l’obiettivo finale, per poi gioire. È sbagliato, forse la gioia della vita sta nel percorso, non nel risultato.
Invece, come hai mosso i primi passi in questo percorso attoriale? 
Ho cominciato quasi per caso, con una figurazione speciale in un cortometraggio a Polignano a mare, diretto da Giacomo Abruzzese, mio compaesano che fece i provini a Taranto e provincia.
Mi catapultai per la prima volta su un set e fu colpo di fulmine per il cinema.
Mi piacque proprio tanto ma ai tempi guidavo il carroattrezzi del soccorso stradale per la carrozzeria della mia famiglia; passò dunque un po’ di tempo prima di riuscire ad organizzarmi per mollare tutto e trasferirmi, ma alla fine partii…se davvero vuoi, un modo lo trovi, seppur sia difficilissimo…la penso così!
Un ruolo che ti piacerebbe interpretare e che ancora non ti hanno mai proposto ?
Un ruolo comico drammatico, è il mio cavallo di battaglia. Magari potendo anche utilizzare la cadenza o il dialetto pugliese, sarebbe la migliore occasione per esprimermi al massimo!
Come ami trascorrere il tuo tempo libero ? 
Gioco a tennis, vado al cinema, mi piace leggere nei parchi ed allenarmi a corpo libero sul prato, i pranzi di pesce al mare, aperitivo con gli amici, vino, salumi, formaggi.
Prediligo trascorrere il tempo libero in modo semplice e tranquillo, preferisco nettamente pizza, coca cola zero e serie tv a casa, anziché andare in discoteca.
  Un progetto futuro da realizzare?
Sogno di fare un film in Puglia, magari con le corde attoriali che ho dichiarato prima. Sarebbe il massimo per me!