Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

GIANPAOLO SCAIANO

Nessuno stop alle emozioni della musica

Di Cristofaro Russo

 

Le canzoni per lui sono un momento importante, come se si parlasse ad un amico, ispirandosi continuamente alla vita che ci gira intorno. Una canzone deve fare arrivare una emozione, un tempo di
batteria o delle suggestioni. L’importante è che ti resti qualcosa, incatenandoti e non ti lasci andare via. Gianpaolo è sempre stato profondamente radicato, solare e con un occhio al futuro sempre positivo. Senza
farsi fermare da nessuno “Stop”, perché poi si riparte sempre. Le radici a Tricarico in Basilicata, da dove proviene la sua famiglia, mentre la sua vita si è svolta a Milano. Per la precisione a Rozzano dove ha iniziato a studiare la chitarra classica presso la Scuola Civica. A 13 anni ha conseguito il diploma di teoria e solfeggio del Conservatorio Verdi di Milano, per poi dedicarsi alla batteria da li inizia il suo percorso musicale che Gianpaolo ci racconta in questa intervista al nostro magazine.

 

Come nasce questo tuo brano “Stop” ?

Stop nasce un giorno davanti ad un classico semaforo rosso che sembra non scatta mai e tu come al solito sei in ritardo e fremi per ripartire per paura di arrivare tardi in una situazione che oramai non sopporti e non gestisci più. In più in quel periodo ero rimasto molto deluso da una situazione personale che mi aveva molto colpito. Ecco che nasce la voglia di cambiare, di scappare di rivedere tutte le mie priorità per poter ritornare a sorridere e far battere il mio cuore per emozioni positive e non per la solita ansia e paura di circostanze che non riesci più a controllare. Stop è un grido di speranza per tutte le persone che voglio provare a lasciare tutto alle spalle e ripartire con una sicurezza e una forza persa nel tempo. Da martedì 13 novembre sarà in radio “STOP”, il nuovo singolo di Gianpaolo Scaiano, Edizioni e Produzioni di Beppe Carletti “I Nomadi”.

 

Invece ci racconti  come  nasce la  tua passione per  la musica ?

Per la precisione a Rozzano dove ha iniziato a studiare la chitarra classica presso la Scuola Civica. A 13 anni ha conseguito il diploma di teoria e solfeggio del Conservatorio Verdi di Milano,per poi dedicarsi alla batteria.Vero amore adolescenziale, con la solita trafila di complessini dove di cantare non ci si pensava proprio. Tra il diploma di ragioneria e il servizio militare nell’operazione “Vespri siciliani” un grosso investimento con un amico formando un duo per il Piano-Bar. Cinque milioni di lire per un’attrezzatura professionale. Serate zero! Ma era anche l’era dell’esplosione dei Karaoke e proprio durante il militare nei primi locali Gianpaolo ha scoperto la sua voce. Tornato ha iniziato ad esibirsi tra locali e matrimoni inizia a crescere l’esigenza di scrivere canzoni proprie. Crescono i contatti con l’ambiente musicale e radiofonico.

 

Poi come prosegue la tua carriera musicale ?

Nel 2005 arriva una canzone che ha avuto un discreto successo grazie a Deejay Angelo che l’ha resa un tormentone nel sui “Ciao belli”. Così  arrivano per me le prime interviste di un certo spessore, le prime radio e i primi produttori. Tante serate, tanti investimenti ma non arriva il riscontro aspettato, meritato. Ma invece arriva l’Amore, quello importante di valore. Sul quale costruire e arrivano due figli (Martina e Andrea) per i quali cercare anche concretezza. Cambiano le prospettive e Gianpaolo trova un lavoro “normale” nell’ambito della cultura della sua Rozzano, ora cinema, teatro e la stessa scuola civica sono le sue occupazioni giornaliere.  Ma oltre a dare agli altri, la voglia di cose nuove non si ferma mai e nemmeno la voglia di scrivere canzoni. Così arriva “Stop”, tra i tantissimi pezzi scritti in questi ultimi anni, che è incoraggiata dai Nomadi che hanno deciso di fargli aprire alcuni loro concerti. Una canzone ispirata dall’ennesimo semaforo rosso, che tutti noi troviamo ogni giorno per strada decine di volte, ma che parla degli stop che la vita ti impone. Dove fermarsi e riflettere diventa,
con l’età sempre di più, una esigenza di crescita.

 

 

 

Invece come ami trascorrere il tuo tempo libero ?

Sono un grande appassionato di Calcio , tifosissimo dei colori nerazzurri (inter) , i miei dioli sono stati Ronaldo il fenomeno e il grande Diego Milito che con i suoi preziosi goal diede un grande contributo a vincere la Champions League nel 2010. poi adoro il cinema in particolare i film thriller-azione , sono un grande fan di due grandi attori Nicolas Cage e Morgan Freeman.

 

 

 

Un progetto futuro che vorresti realizzare ?

Continuare in questo percorso musicale, cercando di raggiungere più persone possibili, per proporre i miei progetti musicali.