Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Michele Caputo

"FAR RIDERE RESTA IL MESTIERE PIU' DIFFICILE AL MONDO"

Di Antonio Vistocco

 

Michele Caputo , attore ed autore comico partenopeo, per molto tempo ha formato il duo comico Antonio e Michele, generando tanti personaggi che hanno divertito il pubblico in tutta Italia. Oggi impegnato seguire e promuovere comici emergenti con la sua accademia ” “Komikamente” al Teatro Diana di napoli. L’abbiamo intervistato prima in vista della tappa teatrale di Giovedì 05 Maggio 2016 alle ore 21:00 presso il Teatro Carlo Gesualdo di Avellino dove si terrà lo spettacolo “LORO DI NAPOLI ” cche lo vede protagonista con la bellissima Benedetta Valanzano e , con la direzione artistica di Maurizio Di Napoli. Spettacolo che racconta in modo diverso I classici della musica napoletana attraverso la comicità partenopea degli attori “Komicamente” .

Ci Racconti questa esperienza “Loro Di Napoli” che stai potando avanti?

E’ Uno spettacolo che prende spunto dal mio laboratorio “Komicamente” del Diana di Napoli. Ci sono molti comici legati tra loro ad una storia, diciamo un filo conduttore che si alternano man mano che lo spettacolo procede. Un esperimento che stiamo portando avanti , che sino ad oggi ha dato molti buoni frutti. Sono molto soddisfatto della risposta positiva del pubblico che risponde con grande partecipazione a questa nostra proposta di spettacolo.

Come nasce questo sodalizio artistico, con Benedetta Valanzano?
Nasce per caso, ho conosciuto Benedetta ad una festa. Parlando ci siamo accorti di aver molte cose in comune . Devo dire che lei sta facendo un percorso professionale di altissimo livello, perchè fare l’attore comico non e assolutamente facile. Lei si è messa in discussione lavorando sodo per raggiungere grandi obiettivi come già sta facendo adesso.

Sensazioni della prossima tappa teatrale al “Carlo Gesualdo “di Avellino?
Devo dire che esibirsi ad Avellino non mai facile, perchè c’è un pubblico molto attento ed esigente. Poi in questo bellissimo teatro come il Carlo Gesualdo di grande impatto e sempre uno stimolo per un attore fare bene il proprio mestiere.

Cerco sempre di aggiornarmi sulle novità continue che questa materia così fondamentale per la nostra vita di tutti i giorni.

A cosa ti dedichi quando non sei impegnato con la tua professione?
Sono un grande appassionato di fotografia ,ed in modo particolare di elettronica. Cerco sempre di aggiornarmi sulle novità continue che questa materia così fondamentale per la nostra vita di tutti i giorni. Ricordo che il mio primo computer è stato il Commodore 64, da li ho perfezionato le mie nozioni sempre di più.

Quali sono i tuoi punti di riferimento artistici?
A prescindere da due mostri sacri come Edoardo e Troisi. Devo dire che ho sempre ammirato al figura attoriale di Fransco Paolantoni. Grande professionista che passa dalla verve comica a quella drammatica con grande stile e naturalezza.

Quali progetti vorresti realizzare in futuro?
Sicuramente quello di realizzare quanto prima il film che sto scrivendo.

Share, , Google Plus, Pinterest,