Arte & CulturaLibriNuove Proposte

Anna Silvia Angelini

Di  Cristofaro Russo
 

Il 24 febbraio 2019, alle ore 18.00 in occasione della II edizione Pomeriggi Letterari nella Cittá Eterna presso Villa Pirandello, via Antonio Bosio, 15b, Roma, verrà presentato il
libro “La Violenza Declinata” di Anna Silvia Angelini, Bertoni Editore.Introduce l’editore Jean Luc Bertoni, saluti istituzionali Maurizio Esposito Vice Presidente I Municipio Roma centro storico,  l’autrice Anna Silvia Angelini dialogherà con la giornalista Vittoriana Abate, inviata di Porta a Porta, esperta di cronaca nera e giudiziaria. Abbiamo intervistato l’autrice di questo libro per farci raccontare come nasce questo progetto editoriale.

 
 

 
Come nasce  il libro “La Violenza Declinata” ?
L’idea era nel cassetto da un bel po’ di tempo. Sono la presidente di uno sportello antiviolenza fondato nel 2013 nel territorio di Nettuno che si chiama “Uscita di Sicurezza” Mi sono resa conto che si parla poco di cosa accade all’interno di un centro che si occupa di dare sostegno alle donne vittime di Violenza e ho deciso di parlarne in prima persona, portando alla luce il lato oscuro che é ancora pieno di ombre, questo libro é un manuale pratico, uno strumento che aiuta le donne  a comprendere come agire per tutelarsi, in una società che non tutela le fragilità.
 
 
 
Come mai questo fenomeno atroce della violenza sulle donne sembra negli ultimi anni aumentato ?
La violenza contro le donne, è un problema sociale in aumento nonostante si parla tanto di prevenzione.
Un fenomeno in continua crescita, le statistiche parlano chiaro ogni  due giorni in Italia una donna viene uccisa dal compagno, per non parlare di tutti gli altri tipi di violenza assistita sommersi.
La principale causa di omicidio è rappresentata da conflitti nella coppia, che spegne il desiderio dell’amore e fa emergere tutte le pretese e il possesso esercitato dall’uomo nei confronti della donna.
La violenza di genere è un fenomeno ancora sommerso, sono tante le donne che non parlano con nessuno della violenza subita , sono ancora poche le donne che si rivolgono ad un centro antiviolenza o in generale un servizio specializzato, é essenziale la prevenzione,
Per questo motivo le politiche di sensibilizzazione sono essenziali per trasmettere il messaggio che parlare della violenza subita ed entrare in contatto con le istituzioni e i servizi dedicati costituiscono una preziosa fonte di aiuto.
le forze dell’ordine devono essere piú attivi nella prevenzione, non é un caso, infatti, che nella maggior parte dei casi di femminicidio le donne o avevano già denunciato, ma il pericolo è stato sottovalutato, o non hanno denunciato per paura di ulteriori violenze, vivendo in un contesto sociale che ancora le colpevolizza e giustifica i maltrattanti.
 
 
 

 
 
Invece la  la tua passione per la scrittura?
Il motore della mia vita é sempre stato fare le cose con passione, la passione è alla base di tutto, fa la differenza, trasmette, ti rende una persona diversa in ogni cosa che fai a gli occhi di chi ti guarda, quindiscrivo per comunicare, scrivo per portare alla luce delle veritá, scrivo perché mi da energia, scrivo per dare forma ai miei pensieri, é affascinante rimanere fino a notte fonda con i miei scritti, appunti, che poi prendono forma in un libro, e l’emozione piú grande é vedere il tuo libro.
 
 
Come ami trascorrere il tuo tempo libero?
Il mio tempo libero lo dedico alla mia famiglia, i miei figli, amo andare in bicicletta una mia passione da sempre, e il mare, infatti vivo a Nettuno, il mare é fonte di ispirazione e di libertá come me.
 
 

 
 
Un progetto da realizzare?
Sto giá lavorando alla sesta edizione del Premio Donna D’autore 2019, un premio
che valorizza la figura femminile in vari ambiti, e poi una grande mostra d’arte a Roma.
Nel sociale sono impegnata nel promuovere il mio libro in tutta Italia.
 

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche

Close
Back to top button
Close