Sport

PAPA’ VAN BASTEN E ALTRI SUPEREROI

ll libro di esordio di Edoardo Maturo sui miti rossoneri

Papà, Van Basten e altri supereroi“, una raccolta di fiabe dove, per ogni capitolo, il protagonista è un calciatore di quelli che hanno fatto grande il MIlan negli ultimi 30 anni. Da Van Basten a Weah, da Maldini a Kakà, da Savicevic a Shevchenko, senza dimenticare il grande Ringhio Gattuso.ogni capitolo del libro porta il nome, o meglio il soprannome di uno di quegli eroi che mi hanno fatto sognare. Ma non è la biografia di un calciatore, è piuttosto l’istantanea di un momento particolare, di una partita speciale.” Papà, Van Basten e altri supereroi si rivela una lettura scanzonata, “per innamorati di Milan”, anche se vengono affrontati temi importanti come la guerra (nelle storie di Weah e Savicevic, ad esempio) e l’amore familiare. Un libro non per tutti, ovviamente, ma solo per chi, come Edoardo Maturo, è abituato a vedere scendere in campo i propri supereroi avvolti da una maglia rossa come il fuoco e nera come la paura che incute agli avversari. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con l’autore Edoardo Maturo.

Come nasce l’idea di una raccolta di fiabe con protagonisti dei calciatori?

L’ispirazione mi è stata data dal film “Goddbye Lenin”, dove una donna, comunista di ferro all’epoca della DDR, dopo 8 mesi di coma si risveglia in un mondo dove il comunismo è crollato insieme al muro di Berlino. Per non farla ricadere in uno stato di shock, il figlio, approfittando del fatto che la madre non può muoversi dal letto, crea una realtà alternativa, dove il comunismo è ancora vivo, le procura giornali della Germania Est e crea improbabili pantomime con l’aiuto dei vicini per farle credere che nulla sia successo, che nulla sia cambiato. Allora ho pensato: perchè non farlo nel mio piccolo con Leo? Nascondergli le attuali miserie rossonere, e fargli vivere, seppur sotto forma di fiaba, i fasti e i momenti indimenticabili che hanno segnato noi, generazione fortunata. Credo che quello che abbiamo visto e vissuto noi tifosi milanisti nati e cresciuti tra gli anni ottanta e novanta  la ‘generazione cresciuta a pane e Coppe dei campioni’ come la definisco nel libro , non lo vivrà mai più nessun tifoso al mondo, noi tifosi milanisti compresi. Cosi ogni sera raccontavo a mio figlio ,  una favola rossonera diversa ogni notte. E farlo crescere milanista, naturalmente. Così, dal rettangolo alla cameretta, le imprese dei più forti fuoriclasse che siano scesi in campo a San Siro con la maglia del Milan negli anni ’80, ’90 e primi 2000 rivivono grazie ai ricordi e alla fantasia di un papà tifoso. raccontando a mio figlio le gesta degli eroi rossoneri come  :  SuperPippo, Fantasheva, Il Re Leone, Il Genio, Re Carlo, Il Cigno di Utrecht e tutti gli altri supereroi conquistatori di coppe e scudetti è ora di tornare in azione.

 

Anche la presentazione di questo libro è stata  particolare ci racconti le tue emozioni di quella giornata?  

Certo, una giornata entusiasmante.   Abbiamo presentato  il libro a Milano presso la libreria Rizzoli  Insieme  a due glorie  rossonere  come : Filippo Galli e Massimo Ambrosini. E il co-fondatore di bookabook, Tomaso Greco. Anima la serata è stato  il conduttore di Sky Marco Cattaneo. Ringrazio le due bandiere rossonere, con Filippo è nato anche una bellissima amicizia. Devo dire che grazie a  questo progetto editoriale sono riuscito a conoscere dal vivo molti dei miei “eroi” rossoneri.

 

Una domanda da un milione di Dollari : il tuo Capitano del cuore Baresi o Maldini?

Sono due vere è proprie leggende rossonere, solo per motivi generazionali dico Maldini  perchè da tifoso ho avuto modo di vederlo giocare di più che il grande Baresi. Ma per noi tifosi rossoneri insieme al grande Gianni Rivera avranno sempre un posto speciale nel nostro cuore .

Ci racconti la tua prima gara vista a San siro del Milan ?

La mia prima partita è stata un Milan-Cremonese con grande partita del numero 9  Marco Van Basten. Ricordo ancora  il boato di San Siro, il Milan in campo, uno spettacolo che lascia a bocca aperta. Invece la prima volta a San Siro  di mio figlio Leo è stata  Milan – Crotone anche quella vinta 2-1 grazie al numero 9. Destini importanti che segnano generazioni di tifosi rossoneri come noi .

Un progetto futuro che vorresti realizzare?

Mi piacerebbe continuare a sviluppare questo progetto editoriale , riuscendo a parlare anche di altri club ed altre tifoserie. Per poter raccontare come fatto con i colori rossoneri anche altre squadre e storie bellissime che solo il calcio sa regalare.

 

Invece il tuo sogno futuro da tifoso rossonero?

Sicuramente quello di rivive i fasti di un tempo in modo particolare in Champions League, sarebbe bello poter trionfare nella massima competizione europea . Per noi milanisti la vera è propria dimensione del nostro prestigioso Club , visto che in bacheca ne abbiamo ben sette.

 

 

 

 

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un'occhiata anche

Close
Back to top button
Close