Attualità

Muro di Berlino, 30 anni fa la caduta

Il 9 novembre di 30 anni fa tra le picconate e gli abbracci

Con un caleidoscopio di gesti simbolici e discorsi commemorativi, spettacolari installazioni e immagini storiche sui maxischermi, Berlino si appresta a celebrare domani il trentennale della caduta del Muro. La giornata comincerà già alle nove e mezza con l’arrivo al palazzo presidenziale Bellevue dei capi di Stato di Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia, i Paesi del blocco comunista sbriciolatosi dopo il 1989. I presidenti visiteranno il Memoriale del Muro che conserva impianti di confine con tutte le loro installazioni, compresa la striscia della morte, oltre a 212 metri della barriera di cemento che divise Berlino e il mondo per 28 anni. Il Memoriale sorge lungo la Bernauer Strasse, la via delle iconiche immagini del poliziotto che salta il filo spinato e dell’anziana calata da una finestra prima che fosse murata nell’agosto del 1961.

Quel giorno, per la prima volta dal 1961, quando venne costruito il muro,  decine di migliaia di abitanti della parte orientale della città si riversarono in quella occidentale. Gli incredibili avvenimenti del 9 novembre 1989 furono causati da due eventi quasi fortuiti e imprevedibili: l’errore di un funzionario della Germania orientale durante una conferenza stampa e il buon senso di una guardia di frontiera.

La convinzione che l’anelito alla libertà sia in grado di abbattere, alla lunga, qualsiasi ostacolo. Il riconoscimento che, senza le pressioni dei Paesi dell’Est, la cortina di ferro non sarebbe potuta cadere solo con la spallata dei tedeschi orientali. E la constatazione che, dopo 30 anni, le disparità fra quelle che furono le due Germanie ancora alimentano frustrazione e odio, di estrema destra. La giornata di celebrazioni per il trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino è stata, in parte, anche questo ma si è poi rilassata in una festa di piazza piena di luci e musica.

“Nessun muro che emargini esseri umani e limiti la libertà è così alto o largo da non poter essere abbattuto”, ha scandito la cancelliera Angela Merkel parlando al Memoriale del Muro e ricevendo una eco dall’altra parte dell’Oceano con il presidente americano Donald Trump che ha auspicato: “Il fato del muro di Berlino sia una lezione per i regimi e i governanti oppressivi ovunque: nessuna cortina di ferro può contenere la volontà di ferro di un popolo deciso ad essere libero”. Del resto “troppe persone furono vittime della dittatura della Sed”, il partito comunista della Ddr, ha detto Merkel nella commemorazione mattutina in cui il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha riconosciuto come “senza la voglia di libertà dei polacchi, degli ungheresi, dei cechi e degli slovacchi, la rivoluzione pacifica nell’Europa dell’Est e l’unità tedesca non sarebbero state possibili”. Steinmeier e i capi di Stato di Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia hanno infilato una rosa ciascuno in una fessura orizzontale del Muro ancora conservato al Memoriale che sorge sulla Bernauer Strasse, la via delle finestre murate simbolo di drammi umani e divisione del mondo.

“Celebrare insieme il trentennale di questo momento che ha portato libertà significa rilanciare il processo europeo”, ha sottolineato da parte sua il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Berlino per partecipare alle celebrazioni, cogliendo l’occasione per un bilaterale con il collega Heiko Maas. Dal palco della festa di piazza organizzata dietro alla Porta di Brandeburgo, il colonnato simbolo di Berlino, Steinmeier ha avvertito che “i nuovi Muri nel nostro Paese li abbiamo costruiti noi stessi e solo noi stessi possiamo abbatterli”. Le divisioni fra le due parti della Germania sono create da “frustrazione, rabbia e odio”, ha notato con implicito riferimento alla propaganda di estrema destra dell’Afd che riscuote successi elettorali soprattutto all’est. Ma, almeno la sera, le parole sono state sopraffatte dalle immagini di uno spettacolo connotato da un enorme schermo a forma di sfera – alto come le colonne della Porta di Brandeburgo, che con tutta la quadriga arriva a 31 metri – altri quattro megaschermi, due palchi e soprattutto un tripudio di luci colorate. Parte del pubblico è stato sovrastato da un tendone fluttuante lungo 150 metri e composto da centomila strisce di colori cangianti su cui 30 mila tedeschi hanno scritto speranze e messaggi.

Lo spettacolo di musica, video, giochi di luci e racconti di testimoni ha avuto un momento alto con la quinta sinfonia di Beethoven eseguita dalla Staatskapelle Berlin diretta da Daniel Barenboim e accompagnata da immagini e filmati storici che hanno ripercorso la storia del Muro. Il programma ha incluso però anche tanta altra musica, tra cui quella di Westbam, uno dei dj techno e musicisti elettronici più famosi di Germania, introdotto da uno spettacolo di luci al laser.

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close