Attualità

Ucraina, colloquio tra Biden e Putin: “Proseguire il dialogo a tutti i livelli”

Il ministro degli esteri russo Lavrov ha negato questa ipotesi. Il Cremlino accusa Washington: "Isteria al suo apogeo, obiettivo è provocare"

Se la Russia dovesse invadere l’Ucraina la pagherebbe cara: è l’avvertimento lanciato dagli Stati Uniti che vogliono andare avanti con la diplomazia, “ma sono ugualmente pronti per altri scenari”.

Mentre incombono i timori di una guerra nel cuore dell’Europa, è questo quanto Joe Biden ha detto al telefono a Vladimir Putin, in un colloquio di oltre un’ora. Dal canto suo la Russia ha respinto ogni ipotesi di attacco a Kiev e ha accusato Washington di isteria ma si è detta d’accordo a “proseguire il dialogo a tutti i livelli”.

Italia e altri Paesi hanno invitato i connazionali a lasciare l’Ucraina

Il tutto mentre oltre 10 Paesi, inclusa l’Italia, hanno invitato i propri connazionali a lasciare l’Ucraina alla luce di avvertimenti sul rischio di un attacco russo imminente. “In considerazione dell’attuale situazione, in via precauzionale, si invitano i connazionali a lasciare temporaneamente il Paese con i mezzi commerciali disponibili”, è stato il messaggio della Farnesina. E richieste analoghe sono state avanzate ai loro cittadini da Germania, Regno Unito, Olanda e Spagna, che sono andati ad aggiungersi a Usa, Danimarca, Norvegia, Canada e Nuova Zelanda. Mentre gli Stati Uniti hanno annunciato l’evacuazione di quasi tutto il personale della loro ambasciata a Kiev, lanciando così un segnale che si stanno preparando allo scenario peggiore.

l Cremlino: “Isteria Usa giunta al suo apogeo”

Il Cremlino, alla luce della telefonata fra Putin e Biden, ha accusato gli Usa di “isteria”, ma anche aggiunto che i due si sono detti “d’accordo nel proseguire il dialogo a tutti i livelli”. Mosca definisce “assurde” le illazioni di una presunta prossima invasione russa dell’Ucraina: “Gli americani stanno ingrossando in modo artificioso l’isteria sulla cosiddetta invasione russa pianificata, nominando persino le date di questa invasione, e parallelamente, insieme agli alleati, stanno pompando i muscoli militari dell’Ucraina”, ha dichiarato l’assistente diplomatico di Vladimir Putin, Yuri Ushakov.

Le forze dispiegate al confine ucraino

La Russia ha ammassato oltre 100mila soldati vicino al confine con l’Ucraina e ha mandato militari per esercitazioni nella vicina Bielorussia. L’ipotetica tempistica di un’eventuale azione militare resta una domanda senza risposta certa: ci sarebbero informazioni di intelligence Usa secondo cui la Russia guarda a mercoledi’ come data ultima, ma la fonte non precisa quanto sia definitiva questa informazione. Mosca continua a negare che intenda lanciare un’offensiva: oltre a Putin, che ha appunto parlato a Macron di “speculazioni provocatorie”, il suo ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, secondo la Cnn, parlando con l’omologo Usa Antony Blinken ha “negato che la Russia abbia intenzione di invadere l’Ucraina”.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio