Cinema

VENEZIA 79

Dal 31 agosto via al Festival: i nomi da tenere d'occhio da Noah Baumbach a Darren Aronofsky, passando per il biopic su Marilyn Monroe e la seconda prova di Olivia Wilde

(Venezia)-  La   79° edizione del festival del Cinema  è ai nastri di partenza e cresce l’interesse per la presentazione di film, e l’arrivo di registi e attori sul Lido.

 

Quest’anno la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, diretta da Alberto Barbera, si terrà dal 31 agosto al 10 settembre. Diverse le pellicole attese, quelle che già in partenza suscitano curiosità, e quelle che già sentono odore di Oscar. Si parte sicuramente con l’apertura di “White Noise” di Noah Baumbach, per poi passare al ritorno di Darren Aronofsky con “The Whale”, il biopic su Marilyn Monroe di Andrew Domink, il Padre Pio diretto da Abel Ferrara. Si attendono sorprese anche dal secondo film di Olivia Wilde, “Don’t Worry Darling”, dal debutto di Elodie sul grande schermo e conferme da Luca Guadagnino e Florian Zeller.”È davvero meraviglioso tornare alla Mostra di Venezia ed è un incredibile onore portare White Noise come film della serata di apertura”. Dopo aver incantato il Lido con “Storia di un matrimonio”,Noah Baumbach è pronto a farlo anche con “White Noise”, adattamento del romanzo omonimo di Don DeLillo. Il film racconta di come una famiglia contemporanea affronta i conflitti della vita quotidiana, tra ossessioni, misteri universali come l’amore e la morte, dubbi la felicità in un mondo incerto. Protagonisti Adam Driver, Greta Gerwig, Don Cheadle.

Dopo che sono girate in Rete le prime immagini di Ana de Armas nei panni di Marylin, quello di Andrew Dominik è sicuramente uno dei film più attesi a Venezia 79. “Blonde”, tratto dal bestseller di Joyce Carol Oates, reinventa con audacia la storia di una delle icone più leggendarie di Hollywood, dalla sua infanzia fino all’ascesa, tra relatà e finzione.

 

Potrebbe rappresentare la prova del nove, la partecipazione di Luca Guadagnino al Festival. Il regista, idolatrato un po’ ovunque, è atteso con il suo “Bones and All“, un adattamento del romanzo di Camille DeAngelis. Taylor Russell e Timothée Chalamet. sono i protagonsiti di una storia tra una ragazza che sta imparando a sopravvivere ai margini della societ, e un solitario dall’animo combattivo: il viaggio on the road di due giovani che tentano di trovare il proprio posto nel mondo.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio