Approfondimenti

Accoglienza, una famiglia afghana trova casa a Montoro

Una famiglia afghana trova accoglienza a Montoro in provincia di Avellino. Una esperienza unica realizzata con la collaborazione di enti pubblici e di terzo settore insieme alla comunità locale.

Una famiglia afghana arriva a Montoro. Siamo a settembre 2021 e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco, Girolamo Giaquinto, si attiva per ospitare chi fugge da uno dei paesi più martoriati da guerre, fame e paura: l’Afghanistan.

A supportare l’accoglienza e a favorire l’inclusione di questa famiglia una rete fatta dalla prefettura, amministrazione locale, cooperativa Intra di Avellino, l’Arci Comitato provinciale di Avellino e l’Istituto comprensivo “Michele Pironti“.

A seguire questa lunga partnership di enti la comunità di Montoro insieme ad alcune attività commerciali del posto.

Un grande senso di accoglienza e di apertura ha accompagnato l’arrivo di queste persone, Montoro ha aperto le porte ai nuovi arrivati. Tutti hanno fatto la loro parte – racconta un operatore della cooperativa Intra che segue la famiglia da vicino.

L’arrivo in un paese nuovo è stato per loro molto impegnativo, ma grande è stata la partecipazione da parte di tutti come della scuola che ha spalancato le porte ai nuovi alunni.  I ragazzi si sono ambientati benissimo. Per loro sono stati attivati tutti i servizi necessari al percorso di integrazione: corsi di lingua, supporto legale e psicologico, partecipazione ad attività sociali della città.

Così come la presenza degli amministratori e dei dipendenti comunali pronti a recepire eventuali istanze nel corso dell’inserimento.

Un momento particolare è stato il sostegno di due attività commerciali di Solofra e Montoro che hanno donato parte degli acquisti effettuati per i componenti delle famiglie. Scarpe nuove donate da Sessa Calzature e abiti da Oviesse Kids di Solofra. I beneficiari hanno fatto personalmente l’acquisto, i commercianti hanno deciso di donarne una parte. Un gesto che difficilmente ci capita di vivere – conclude l’operatore.

Una grande segno di apertura per la comunità di Montoro, esempio di reale accoglienza.

Articoli correlati

Back to top button