Arte & Cultura

ARTE RESTITUITA

Morto nel 2014, il collezionista aveva nascosto più di 1.500 dipinti e disegni, inclusi pezzi rubati agli ebrei sotto il Terzo Reich.

  (Berna)- La Germania ha restituito ai suoi proprietari tutte le 14 opere d’arte del collezionista Cornelius Gurlitt   identificate come rubate agli ebrei durante il Terzo Reich, ha detto mercoledì il Ministero della Cultura. Un disegno del poeta e pittore tedesco Carl Spitzweg intitolato Das Klavierspiel , è stato inviato martedì alla casa d’aste Christie’s su richiesta degli eredi di Henri Hinrichsen, un editore di spartiti ebreo assassinato ad Auschwitz nel 1942. L’opera gli fu sottratta dai nazisti nel 1939 e acquistata l’anno successivo da Hildebrand Gurlitt, il padre di Cornelius, vicino al regime hitleriano. Fu solo nel 2012, durante un’operazione doganale, che le autorità scoprirono la raccolta di oltre 1.500 opere nascoste per decenni da Cornelius Gurlitt, un caso con ripercussioni internazionali. Quattordici di loro erano stati identificati come rubati agli ebrei, ma rimangono delle zone grigie sulla costituzione di questo tesoro. Il collezionista d’arte tedesco-austriaco è morto nel 2014.

” È un segnale importante ” che queste opere d’arte possano ” essere restituite agli eredi delle vittime “, ha accolto il ministro della Cultura, Monika Grütters. ” Dietro ciascuna di queste opere si nasconde un tragico destino umano come quello di Henri Hinrichsen, morto ad Auschwitz ” , ha aggiunto. ” Non possiamo riparare questa terribile sofferenza ma stiamo cercando (…) di far fronte alla nostra responsabilità morale “.

Il padre di Cornelius Gurlitt era stato incaricato già nel 1938 dai nazisti di vendere opere rubate agli ebrei o confiscate per ” decadenza “. La collezione, che comprende dipinti di Renoir  , Cèzanne   ,  Beckmann  , Delacroix e Munch  , ha un valore di diversi milioni di euro. Alla sua morte, Cornelius Gurlitt aveva designato il Museum of Fine Arts (Kunstmuseum) di Berna come erede della sua collezione, ma 500 pezzi originariamente controversi sono conservati in Germania. Le restituzioni sono complicate dalla difficoltà di tracciare la storia dei pezzi e dal periodo di prescrizione di 30 anni oltre il quale la proprietà di un’opera d’arte non può più essere contestata in Germania. Tuttavia, le opere sono state restituite, soprattutto nel 2015, quando una Matisse è stata donata alla famiglia del collezionista d’arte ebreo francese Paul Rosenberg   , nonno della giornalista  Anne Sinclair . Cornelius Gurlitt visse per decenni a Monaco tra migliaia di opere. Altri 239 circa erano conservati nella sua casa di Salisburgo, in Austria. Dopo la loro scoperta, le autorità tedesche hanno tenuto segreta la questione per oltre un anno.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button