Arte & Cultura

Morto il pittore Fernando Botero

L'artista era nato a Medellin e da diversi giorni soffriva per complicazioni di salute. Aveva studiato in Italia e aperto uno studio a Pietrasanta.

(Prinicpato di Monaco)- È morto il pittore e scultore colombiano Fernando Botero, celebre per le voluminose figure umane rappresentate nelle sue opere. L’artista, nato a Medellin, aveva 91 anni. La notizia è stata confermata dal quotidiano “El Tiempo”, che definisce Botero come “l’artista colombiano più grande di tutti i tempi”.

Il pittore “della nostra violenza e della nostra pace” – Botero è morto nella sua abitazione nel principato di Monaco. Da diversi giorni era ricoverato per problemi di salute ma era stato lui stesso a chiedere di potersi curare a casa. Il presidente colombiano Gustavo Petro si è detto rattristato per la morte di Botero, che ha ricordato come il pittore “della nostra violenza e della nostra pace”.

Opere da milioni di dollari – La sua vastissima produzione è composta da quadri, disegni e sculture. Le sue opere sono state acclamate in tutto il mondo e pagate milioni di dollari dai collezionisti. Nel 2022, ad esempio, la scultura “Man on Horse” è stata venduta all’asta di Christie’s a New York per 4,3 milioni di dollari, un prezzo record per un’opera dell’artista.

La morte del figlio e quella della moglie – Per Fernando Botero, che considerava la famiglia e il lavoro come gli aspetti più importanti della sua vita, uno dei momenti più difficili fu rappresentato dalla morte del figlio Pedrito: era il 1974 e il bambino che aveva solo 4 anni rimase vittima di un incidente stradale. La moglie, la pittrice greca Sophia Vari, era morta cinque mesi fa.

L’Italia e Pietrasanta – Negli anni ’90 Botero aveva iniziato a frequentare l’Italia con continuità, dove ha studiato molto per conoscere a fondo la storia e la cultura del Rinascimento. Nel 1983 ha aperto uno studio a Pietrasanta (Lucca), cittadina nella quale amava trascorrere diversi mesi all’anno.

 

“Un grande amico della Toscana” – Proprio per questo è arrivato immediato un messaggio del presidente della Toscana Eugenio Giani: “Le sue opere sono state un ponte tra culture e un riflesso della bellezza universale. La sua presenza qui ha arricchito la nostra terra e il suo spirito creativo continuerà a ispirarci. Di Pietrasanta che lo aveva adottato disse: ‘Mi sono innamorato di questo angolo di Toscana e di questa gente la prima volta che sono approdato qui’. Le nostre condoglianze vanno alla sua famiglia e a tutti coloro che amavano la sua arte, vivrà per sempre tra noi con le sue opere eterne”, ha scritto Giani, definendo Botero “un grande amico della Toscana”.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio