Arte & Cultura

ULISSE 100

L'Irlanda celebra i 100 anni di Ulisse , romanzo di James Joyce

(Dublino)-Gli irlandesi celebrano giovedì 16 giugno il centenario del romanzo di James Joyce, Ulisse , grande opera della letteratura in lingua inglese, in occasione di un tradizionale “Bloomsday” – che celebra la vita dello scrittore – ancora più festoso dell’abitudine.

Ulisse , pubblicato a Parigi nel febbraio 1922, racconta le peregrinazioni di Leopold Bloom, un comune irlandese che indirettamente segue le stesse avventure dell’eroe dell’Odissea di Omero al suo ritorno da Troia. Il romanzo si svolge in una Dublino allora sotto il controllo britannico, il 16 giugno 1904, un “Bloomsday” celebrato ogni anno dai fan irlandesi dello scrittore.

Quest’anno, mentre il romanzo celebra il centenario della sua pubblicazione – sarà bandito per anni nel Regno Unito e negli Stati Uniti a causa di passaggi ritenuti “osceni” – gli irlandesi hanno programmato di celebrare con gusto il 16 giugno.

Dall’inizio della settimana, i fan sono andati in giro in abiti d’epoca e hanno rievocato scene del libro su entrambi i lati della capitale irlandese. In un forte dove soggiornò Joyce, divenuto museo e luogo di pellegrinaggio, martedì 14 giugno si è svolta la rappresentazione di un incontro immaginario tra l’autore irlandese e il suo contemporaneo francese Marcel Proust .

In esso, i due titani della letteratura discutono dell’eredità di Joyce sorseggiando vino – succo di mela – per lo spettacolo del matinée. “E’ semplicemente fantastico venire qui e farci prendere un po’ di follia”, dice Tom Fitzgerald, che interpreta Joyce. “Alcuni prendono (l’evento) molto sul serio” , sorride. Le celebrazioni vanno anche oltre l’Irlanda, con festeggiamenti organizzati nelle ambasciate irlandesi in Sud Africa e Vietnam e festival del libro in Canada e Cina.

Considerato da molti critici l’opera in lingua inglese più importante del XX secolo, Ulisse è un romanzo denso e difficile da classificare, che scompone generi e tecniche di narrazione ed evoca nazionalismo irlandese, dogmi religiosi e questioni di sessualità. Il governo irlandese, che all’epoca del poeta era sotto l’influenza della Chiesa cattolica, aveva rifiutato il rimpatrio della salma di James Joyce dopo la sua morte avvenuta nel gennaio 1941, all’età di 58 anni, a causa delle violente critiche mosse scagliato contro l’istituzione.

L’autore baffuto e occhialuto, che ha trascorso gran parte della sua vita nell’Europa continentale, è ancora sepolto a Zurigo, in Svizzera, dove i turisti si riuniscono. Se ha scioccato, il romanzo, scritto mentre Joyce era al fronte durante la prima guerra mondiale, è di umorismo pungente e pronto alla riflessione, l’autore rivendica il mito di Omero adattandolo alla Dublino dell’epoca.

Per Darina Gallagher, direttrice del James Joyce Centre di Dublino, Ulysses , pubblicato proprio l’anno della creazione dello Stato irlandese, pone interrogativi che ancora il Paese si pone. “Non siamo stati davvero in grado di parlare di genere e politica, di identità e nazionalismo. E stiamo ancora crescendo come società per affrontare le questioni della Chiesa cattolica di cui scrive Joyce”, ha affermato.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button