Attualità

Coronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino

E' tutto pronto a Roma per la sperimentazione sull'uomo del vaccino 'made in Italy' per combattere il coronavirus.“

(Roma)- Prende il via all’istituto Spallanzani di Roma la sperimentazione del vaccino italiano contro il coronavirus. Il programma coinvolgerà 90 volontari selezionati dai ricercatori. “Sarà un vaccino pubblico e, a conclusione della fase di sperimentazione, sarà a disposizione di tutti quelli che ne avranno necessità”, ha assicurato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. La prima fase della sperimentazione durerà 24 settimane.

Il vaccino è stato realizzato, prodotto e brevettato dalla società biotecnologica italiana ReiThera. Il primo volontario, scelto tra le migliaia che si sono offerti, ha ricevuto tramite iniezione intramuscolare la dose iniziando l’iter che lo porterà nei prossimi mesi a sottoporsi a una serie di controlli periodici ravvicinati che serviranno ai ricercatori per verificare la sicurezza e la tollerabilità, come anche gli eventuali effetti collaterali.

Volontari, età, test – La sperimentazione, messa a punto da un team di ricercatori e clinici dello Spallanzani in collaborazione con la società biotech che l’ha prodotto, sarà organizzata con i volontari in gruppi di età: 45 sono tra i 18 e i 55 anni, altrettanti oltre i 65 anni. Ogni gruppo sarà suddiviso a ua volta in tre sottogruppi da 15 persone, a ciascuna delle quali sarà somministrato un diverso dosaggio del preparato. Una parte dei test saranno effettuati al Centro ricerche cliniche Policlinico G.B. Rossi di Verona. Se i primi risultati della fase 1 saranno positivi, entro fine anno si darà il via alle fasi 2 e 3, che saranno condotte su un numero maggiore di volontari anche in Paesi dove la circolazione del virus è più attiva.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button