AttualitàPolitica

È morto Marco Formentini, ex sindaco di Milano

Aveva 90 anni, fu anche eurodeputato per dieci anni, non tutti nelle file del Carroccio

(Milano)- Lutto nel mondo politico. E’ morto Marco Formentini, unico sindaco leghista di Milano  (dal 1993 al 1997) poi eurodeputato del partito di via Bellerio. E’ quanto confermano fonti leghiste. Formentini aveva novant’anni.

Nato a La Spezia nel 1930, Formentini aderì inizialmente al Partito Socialista per poi avvicinarsi alla Lega ed essere eletto deputato nel 1992. Umberto Bossi però lo scelse come candidato sindaco per le elezioni amministrative che si tennero a Milano l’anno dopo, le prime con la nuova legge elettorale con doppio turno. E al ballottaggio Formentini sconfisse nettamente il candidato del centrosinistra Nando dalla Chiesa raggiungendo il 57%.Nel 1994 venne eletto per la prima volta all’europarlamento, dove rimase per dieci anni anche se nel suo secondo mandato lascio’ la Lega per aderire ai Democratici. Non venne invece eletto per un secondo mandato da sindaco, dato che nel 1997 non arrivò al ballottaggio fermandosi al 19%, superato sia da Gabriele Albertini che da Aldo Fumagalli.

Nei mesi tormentati di Tangentopoli, Formentini è il capogruppo del Carroccio alla Camera. Nel 1993 viene eletto sindaco di Milano, il primo non socialista da 1967, dopo aver battuto Nando Dalla Chiesa, candidato del centrosinistra. Di quella tornata elettorale resta impresso nella memoria politica cittadina il gesto di Umberto Bossi, che la notte degli exit poll si affacciò su un balcone in piazza Duomo insieme al neosindaco, fissando lo sguardo sul civico 19, cioè la storica sede del Psi a Milano. Formentini fu anche europarlamentare per dieci anni, non tutti con la Lega: nel 1999, infatti, lasciò il Carroccio polemizzando con le rivendicazioni indipendentiste padane e passò con i Democratici di Arturo Parisi. Poi nel 2004 si ricandidò a Bruxelles con l’Ulivo ma non venne eletto. Entrò nella Margherita a partecipò alla nascita del Partito democratico: alle primarie del 2007 sostenne Rosy Bindi.

Dopo il suo addio alla Lega alla fine degli anni 90, Formentini passò nelle fine del centrosinistra con la Margherita di Arturo Parisi per poi riavvicinarsi al centrodestra nel 2008 con la Democrazia Cristiana per le Autonomie di Gianfranco Rotondi . Sposato con Augusta Gariboldi, definita la “first sciura” dopo la sua elezione a sindaco, nel 2012 è rimasto vedovo e nel 2015, a 85 anni, si è sposato di nuovo, con rito celebrato dall’allora sindaco Giuliano Pisapia.

Maroni: “Momenti magici!!! Grazie Marco” –  Parole di affetto anche da parte dell’ex presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni che su Twitter ha ricordato Formentini con una foto davanti al Duomo di Milano con il simbolo della Lega. “Momenti magici!!! Grazie Marco, Rip”, ha scritto.

Sala: “Uomo politico di cui Milano è orgogliosa” – “Marco Formentini è stato un uomo politico di cui Milano puo’ essere orgogliosa”. Con queste parole il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha ricordato sulle sue pagine social l’ex sindaco della città. “Soprattutto – ha aggiunto – dopo uno dei momenti più critici della storia di Milano del dopoguerra, seppe farsi apprezzare per quelle doti umane che un sindaco non deve mai dimenticare di esercitare nei confronti dei suoi cittadini. Grazie, Marco. Non ti dimenticheremo”.

Fontana: “Da lui impulso per la rinascita di Milano” – “Addio Marco. Ci lascia il primo sindaco leghista di Milano, il primo eletto direttamente dai milanesi. A lui possiamo attribuire l’impulso, fatto di scelte concrete, che ha prodotto la rinascita di Milano”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, sottolineando che Formentini era “una persona perbene, molto competente e affabile. L’ho conosciuto personalmente e ne ho potuto apprezzare i suoi modi genuini, ma allo stesso tempo risoluti. Non dimenticherò mai il suo sorriso rassicurante”.

 

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio