Attualità

FIGLIUOLO: IL 29 MARZO IN ARRIVO 2,8 MILIONI DI DOSI DI VACCINO

Il generale incaricato di gestire l'emergenza Covid-19 ha fatto tappa a Messina, poi visita a Catania

(Messina)- “Arriveranno nella settimana che va dal 29 marzo al 3 aprile, perché il trimestre finisce in quella settimana, oltre un milione di dosi Pfizer, oltre 500 mila dosi Moderna e oltre un milione 300 mila AstraZeneca, e questo è il preludio ad aprile per avere nel mese un massiccio afflusso di dosi che consenta di utilizzare appieno gli hub che stiamo andando a costruire. Non esiste alcuna disparità tra le regioni”. A dirlo il commissario nazionale per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, in visita all’hub di Messina

“Oggi – ha detto – abbiamo sul piatto 11 milioni di dosi di vaccino: ovviamente si stanno somministrando e di questo sono contento, abbiamo superato ottime percentuali, l’altro ieri 245 mila… sono dati da consolidare, ieri 237 mila, ma probabilmente supereremo le 240 mila… quindi siamo allineati al piano”.

In accordo con le autorità  sanitarie locali abbiamo deciso di allestire in tempi brevi un altro hub per la città di Messina”. Ha esordito così Figliuolo. “Sarà al Palarescifina, palazzo dello sport già in ottime condizioni, che potrebbe essere pronto dopo Pasqua – ha aggiunto – Ciò consentirà di accelerare la vaccinazione di massa”.

L’arrivo “imminente” di un quantitativo “importante” di vaccini rappresenta “la premessa di un cambio di passo effettivo” della campagna vaccinale, “sempre nel rispetto delle priorità fissate dal governo”, ha poi detto Figliuolo al termine della visita in Calabria e Sicilia per verificare come migliorare e incrementare il sistema delle somministrazioni in tutto il paese affinché si arrivi “rapidamente ad un’omogeneità di risultati a livello nazionale e nessuno rimanga indietro”. Figliuolo ha anche ribadito che il ritmo giornaliero delle vaccinazioni si sta assestando su 250mila al giorno. Accompagnato dal prefetto di Messina Cosima Di Stani, dal sindaco Cateno De Luca, dal capo della Protezione civile regionale Salvatore Cocina, e dal commissario per l’Emergenza Covid di Messina Alberto Firenze, Figliuolo ha visitato il padiglione B dove vengono effettuati i vaccini Pfizer e Moderna. “Finora solo alla Fiera di Messina in appena 16 giorni effettivi sono stati fatti già 9mila vaccini”, ha evidenziato Firenze.

Poi il bilancio sulle vaccinazioni: “Oggi abbiamo sul piatto 11 milioni di dosi di vaccini in Italia. Tra il 29 marzo e il 3 aprile arriveranno oltre un milione di dosi Pfizer, 500 mila dosi Moderna, e poi un milione e 300 mila AstraZeneca. In Sicilia? Nessuna disparità tra le Regioni, nell’Isola siamo in pieno target con la campagna vaccinale”, ha sottolineato il generale Figliuolo. Non c’era l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, al suo posto il capo di gabinetto vicario Ferdinando Croce.

Seconda tappa più veloce e senza dichiarazioni ai giornalisti nell’hub di Catania che Figliuolo ha raggiunto dopo un incontro con Musumeci nella sede etnea della Regione. Il generale è arrivato al centro vaccinazioni intorno alle 16 accompagnato da Musumeci, dall’assessore Razza e dal dirigente della protezione civile Cocina. Figliuolo ha trovato una situazione molto più tranquilla di quella dei giorni scorsi grazie alla vigilanza all’ingresso istituita da 48 ore. Il generale si è trattenuto circa 15 minuti scambiando alcune battute con i cittadini in fila per le vaccinazoni e con gli operatori e si è complimentato per l’organizzazione e l’uniformità dei vari hub siciliani sia dal punto di vista organizzativo e logistico sia dal punto di vista estetico.

Figliuolo dopo Messina è stato a Catania per visitare l’hub vaccinale realizzato nell’ex Mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena. Con lui, anche il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Dopo un sopralluogo nella struttura, Figliuolo ha lasciato l’hub senza rilasciare dichiarazioni.

Articoli correlati

Back to top button