Attualità

Formula 1, ecco il calendario Post Covid 19

La Formula 1 si appresta a ripartire dopo la pausa causata dalla pandemia. Ufficiali le prime 8 gare del calendario del campionato del mondo 2020, tutte previste su suolo europeo.

Un Mondiale fatto inizialmente di otto gare e solo in Europa, come non capitava dal 1953, quando la Formula 1 corse per la prima volta fuori dal Vecchio Continente, in Argentina (trionfò Alberto Ascari sulla Ferrari, bissando il titolo iridato: da allora nessun italiano ha vinto la classifica piloti). Le gare si disputeranno sui circuiti di Spielberg (Austria) il 5 e 12 luglio, Budapest (Ungheria) il 19 luglio, Silverstone (Gran Bretagna) il 2 e 9 agosto, Barcellona (Spagna) il 16 agosto, Spa (Belgio) il 30 agosto e Monza (Italia) il 6 settembre.

Doppi appuntamenti nello stesso tracciato, per favorire l’organizzazione e il contenimento dei costi, e un pizzico di romanticismo mantenuto, con Spa e Monza, ma purtroppo al momento senza Montecarlo. Nei piani di Liberty Media, società cui fa capo il Circus, c’è l’intenzione di correre fino a dicembre con 15-18 gare e portare il carrozzone là dove la parte sportiva va ancora più a braccetto con quella economica: Abu Dhabi, dove gli emiri spendono una settantina di milioni per ospitare il giocattolino; Baku, in Azerbaijian, dove in seguito ai circa 50 milioni di investimento dal 2016 ad oggi c’è stato un ritorno di indotto e posti di lavoro di 450 milioni di euro; Cina, primo mercato globale; Singapore, che spende 60 milioni per la corsa in notturna; Austin, in Texas, dove il ritorno d’immagine è più che ovvio. E c’è la possibilità di un secondo gp in Italia: oltre a Monza (ma i circa 22 milioni da investire potrebbero essere fuori portata) sono interessati Imola (assente dal 2006) e il Mugello, pista di prova della Ferrari di grandissimo fascino per piloti e pubblico.

BARCELONA, SPAIN – FEBRUARY 26: Sebastian Vettel of Germany driving the (5) Scuderia Ferrari SF1000 on track during Day One of F1 Winter Testing at Circuit de Barcelona-Catalunya on February 26, 2020 in Barcelona, Spain. (Photo by Mark Thompson/Getty Images)
Cinque le regole antivirus da seguire: 1) Piloti e membri dei team saranno sottoposti ai test anti-Covid alla partenza dal Paese d’origine e all’arrivo a destinazione, da ripetere ogni due giorni. 2) Le gare si terranno a porte chiuse, ma la Fia sta già studiando con i vari autodromi la possibilità di far entrare un ridotto numero di spettatori in base all’evoluzione locale del Covid. 3) Riduzione del personale nel paddock. 4) Viaggi isolati: si useranno il più possibile voli charter e mezzi privati. 5) Distanziamento sociale, con cambiamento delle cerimonie pre e post-gara. Fra le idee per rendere più appetitosa l’anomala stagione anche una sprint race al posto delle qualifiche. La griglia di questo mini-Gp sarebbe formata invertendo l’ordine della classifica iridata, ma la Mercedes dice no.

ript async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">

Articoli correlati

Back to top button