Attualità

Papa Francesco ha congedato padre Georg Gaenswein, segretario di Ratzinger

Lo scrive il giornale tedesco Die Tagespost. Ieri non era presente all'udienza generale in vaticano

(Roma) – Il prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gaenswein, è stato congedato da Papa Francesco. La notizia filtra dalla stampa tedesca, da sempre molto vicina al segretario di Benedetto XVI. Ma nei sacri palazzi l’assenza di monsignor Gaenswein era stata notata da tempo e aveva suscitato diverse ipotesi.

Papa Francesco avrebbe concesso un congedo a tempo indeterminato al prefetto della Casa Pontificia, mons. Georg Gaenswein. Lo scrive il giornale tedesco Die Tagsepost. Il segretario privato del Papa emerito rimarrebbe in carica come capo della Prefettura ma sarebbe libero di trascorrere più tempo con Benedetto XVI. Oggi mons. Gaenswein non era presente all’udienza generale di Papa Francesco, come non c’era nelle udienze private al Palazzo apostolico degli ultimi giorni.

A detta del giornale tedesco, alla base della decisione ci sarebbe “la infelice presentazione del libro sul sacerdozio del cardinale Robert Sarah al quale Benedetto XVI ha contribuito con un saggio, che ha inizialmente dato l’impressione che entrambi, il Papa emerito e il prefetto della congregazione per il culto divino, volessero imporre al Papa regnante come risolvere la questione dei ‘viri probati’ proposta dal sinodo sull’Amazzonia”.

Tutte sempre ufficiose e mai confermate dal Vaticano. Il prefetto della Casa Pontificia è, infatti, assente dal suo ufficio da oltre tre settimane. L’ultima volta che è stato accanto al Papa durante la consueta udienza generale del mercoledì è stato il 15 gennaio 2020. Poi, è sempre stato sostituto da monsignor Leonardo Sapienza, reggente, ovvero numero due, della Prefettura della Casa Pontificia. Cauta la posizione del direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, che precisa che l’assenza di monsignor Gaenswein durante “determinate udienze” del Papa “nelle ultime settimane”, è dovuta a una “ordinaria ridistribuzione dei vari impegni e funzioni del prefetto della Casa Pontificia”, che, come noto, “ricopre anche il ruolo di segretario particolare del Papa emerito” Benedetto XVI.

All’inizio si era ipotizzato che monsignor Gaenswein fosse assente a causa di una bronchite. Ma poi era stato visto passeggiare di pomeriggio nei Giardini Vaticani con Benedetto XVI mentre i due recitavano il rosario. C’è chi a ilfattoquotidiano.it ha raccontato anche di aver perfino udito le urla di Francesco con il prefetto della Casa Pontificia subito dopo la pubblicazione dell’ormai famoso libro del Papa emerito e del cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. Un volume nel quale Ratzinger e il porporato difendono il celibato. Libro dal quale il Papa emerito ha successivamente ritirato la firma proprio attraverso monsignor Gaenswein. Ma in libreria, sia in Italia che all’estero, il testo è uscito lo stesso con la doppia firma.

PORTAVOCE VATICANO – “Nessun congedo” di monsignor Georg Ganswein, dice il portavoce del Vaticano, Matteo Bruni, che interpellato dall’Adnkronos sulle indiscrezioni fa sapere di non avere “alcuna informazione in tale senso”. Quanto al fatto che mons. Ganswein, oggi, come in altre determinate udienze pubbliche nei giorni scorsi, non fosse presente accanto al Papa, come di consueto, Bruni annota che ciò è dovuto ad una “ordinaria ridistribuzione dei vari impegni e funzioni del Prefetto della Casa Pontificia” che rimane sempre segretario particolare del Papa emerito.

 

 

 

Articoli correlati

Back to top button