Attualità

Pronto il nuovo Piano Economico di Autostrade

Autostrade per l'Italia, inviato al Mit il Piano economico finanziario

(Roma)- Nuovo passo avanti per il dossier Aspi. Autostrade per l’Italia ha inviato al Mit l’aggiornamento del Piano Economico Finanziario quinquennale, secondo quanto richiesto dallo stesso Dicastero. È quanto fanno sapere fonti vicine alla società. Ieri l’ad di Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo, audito dalla Commissione parlamentare di vigilanza, ha ripetuto che l’eventuale intervento di Cdp “risponderebbe a una logica industriale e di mercato, con una prospettiva di adeguata remunerazione del risparmio postale”.

Palermo ha risposto così ai dubbi sollevati da investitori istituzionali di Atlantia sul nuovo assetto societario pensato dal governo, che prevede un graduale disimpegno della famiglia Benetton, con una sostanziale nazionalizzazione di Autostrade senza aver determinato prima un prezo equo delle azioni di Autostrade. “L’ingresso di Cdp non determina affatto una statalizzazione di Aspi, dal momento che si prevede l’ingresso di nuovi investitori privati”, è l’ultima rassicurazione del ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli. Il nodo principale riguarda le tariffe che, assicura il ministro, non subiranno “alcun aumento per il 2020”.

Punto dolente per i fondi è proprio la netta riduzione della redditività di Autostrade: Aspi ha già ridotto il tasso di remunerazione per adattarsi alla nuova normativa stabilita dall’Autorità di regolazione dei trasporti. I mercati però sembrano crederci: Moody’s conferma il rating a lungo termine di Atlantia a ‘Ba2’ e i rating senior ‘Ba3’ di Aspi cambiando l’outlook da ‘negativo’ a ‘in fase di cambiamento’, in seguito all’accordo preliminare con l’esecutivo.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button