Attualità

Usa 2020, primarie dem: Biden stravince il Super Tuesday

L'ex vice di Obama si assicura Virginia, North Carolina, Oklahoma, Alabama, Tennessee, Minnesota, Arkansas e Massachusetts. Bernie Vermont, Colorado, Utah e l'importantissima California, ma non sfonda. L'ex sindaco di New York la grande delusione della serata

(Washington) – Una giornata d’oro per Joe Biden e peggiore delle attese ma non disastrosa – soprattutto grazie alla vittoria in California – per Bernie Sanders. Sono questi finora i verdetti del Super Tuesday delle primarie democratiche Usa del 2020, alla ricerca dello sfidante di Donald Trump nel voto di novembre.

Biden è stato il più votato in Virginia, North Carolina, AlabamaMassachussettsTennessee, MinnesotaArkansasOklahoma, Utah, Maine e Texas . Vittorie nette in Stati molto popolosi, anche se mancano ancora Texas e California, e negli Stati dove è forte la minoranza nera, bacino elettorale importante per i democratici. Di più: anche se i dati sono parziali, Biden è passato in testa nel conteggio cumulato dei delegati, superando Sanders che punta forte sul numero dei delegati che otterrà in California.

Brutta serata per Michael Bloomberg, che aveva saltato  le primarie in Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina per concentrarsi (spendendo centinaia di milioni di dollari in spot) proprio in questo Super Martedì. Senza ottenere successi, se non il ‘gol della bandiera’ della vittoria nelle Samoa Americane.

Usa 2020: Trump, il vero perdente è Bloomberg “Il vero perdente della serata è di gran lunga mini Mike Bloomberg. 700 milioni di dollaributtati via per niente: le uniche cose che ha ottenuto sono il soprannome mini Mike e la totale distruzione della sua reputazione”. Lo twitta Donald Trump tornando a criticare Bloomberg nel mezzo del Supertuesday.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio