Attualità

Usa 2020, Trump pensa al rinvio delle elezioni per “rischio brogli”

Secondo il presidente degli Stati Uniti il voto per corrispondenza non è sicuro

(Washington)- Il presidente Donald Trump sta prendendo in considerazione l’idea di rinviare le presidenziali di novembre per paura di brogli. Secondo il tycoon, il voto per corrispondenza non sarebbe sicuro. “Con il voto via posta le elezioni 2020 saranno le più inaccurate e fraudolente della storia, Sarà un grande imbarazzo per gli Stati Uniti. Ritardare le elezioni fino a quando le persone potranno votare in modo corretto e sicuro?” si domanda su Twitter.

E’ la prima volta che Trump lancia apertamente su Twitter l’idea di rinviare le elezioni presidenziali e per il rinnovo di una parte del Congresso in programma il prossimo 3 novembre, con l’obiettivo a suo dire di scongiurare il rischio di brogli nel voto postale.In realtà il presidente non ha alcun potere di decidere la data del voto, ne è possibile allungare arbitrariamente il suo mandato quadriennale. Una legge varata nel 1845 stipula che l’elezione del presidente degli Stati Uniti si tenga il martedì successivo al primo lunedì di novembre ogni quattro anni: il 3 novembre quest’anno. Serve un atto del Congresso, approvato sia dalla Camera, dove la maggioranza è dei democratici, sia del Senato, dove hanno la meglio i repubblicani, per cambiare questa disposizione.

L’eventualità di un’intesa bipartisan per il rinvio del voto è estremamente improbabile. Ma non solo: anche se la data del voto cambiasse, la Costituzione Usa stabilisce che il mandato del presidente dura solo quattro anni. In altre parole, il primo mandato di Donald Trump scadrà a mezzogiorno ora di Washington del 20 gennaio 2021 qualunque cosa accada. Se rieletto governerà altri quattro anni, se sconfitto sarà sostituito dallo sfidante democratico Joe Biden.
Ma un rinvio del voto non rinvierebbe la scadenza del mandato. Se entro il 20 gennaio non si fosse tenuto un voto, scatterebbe la linea di successione presidenziale. Trump dovrebbe essere sostituito dal suo vice Mike Pence, ma anche il mandato di quest’ultimo scadra’ lo stesso giorno. Toccherebbe allora alla presidente della Camera, la democratica Nancy Pelosi, il cui seggio però è in scadenza a dicembre. In questo scenario apocalittico si passerebbe quindi al senatore repubblicano dello Iowa Chuck Grassley, 86 anni, che presiede pro tempore il Senato, posto che il Senato sia ancora in mano ai repubblicani dopo la scadenza dei mandati di un terzo dei 100 senatori che lo compongono.

Il rischio che il processo elettorale sia compromesso esiste, al di là del rinvio del voto. Ad esempio Trump o i governatori degli stati potrebbero usare i loro poteri speciali per chiudere i seggi, come ha spiegato alla Bbc il professore dell’università di California Irvine Richard L Hasen: è già accaduto in primavera nelle primarie del Wisconsin. Se le chiusure dei seggi venissero decise a fini politici, cercando di danneggiare oppositori nelle loro roccaforti politiche ad esempio, il risultato del voto sarebbe inevitabilmente compromesso.Hasen ha indicato anche un altro scenario, straordinario e assai improbabile. Le legislature statali potrebbero assumere il potere di determinare quale candidato vince nel loro stato, motivandolo con i timori per la pandemia. Non c’è alcun obbligo costituzionale che un stato sostenga il candidato che ha avuto più voti in quello stato, né che si voti per le presidenziali in uno stato. Dipende tutto dal collegio elettorale, istituto arcaico che prevede che “grandi elettori” di ogni stato eleggano il presidente.

President Donald Trump holds up a newspaper with the headline that reads “Trump acquitted” as he speaks in the East Room of the White House in Washington, Thursday, Feb. 6, 2020. (AP Photo/Patrick Semansky)
In tempi normali i componenti del collegio elettorale sostengono chi ha vinto il voto popolare nel loro stato di appartenenza. Ma non sempre le cose funzionano così: nel 1800 ad esempio, vari parlamenti statali indicarono ai loro grandi elettori chi votare, in barba al voto popolare.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button