Cinema

Gli attori di Romeo e Giulietta fanno causa alla Paramount

Olivia Hussey e Leonard Whiting hanno chiesto un risarcimento di oltre 500 milioni di dollari

(Los Angeles)-Le star di “Romeo e Giulietta”, film del 1968 di Franco Zeffirelli, hanno citato in giudizio la Paramount Pictures per oltre 500 milioni di dollari per una scena di nudo nel film girata quando erano adolescenti.

Olivia Hussey e Leonard Whiting, all’epoca rispettivamente di 15 e 16 anni e ora di 71 e 72 anni, hanno intentato una causa presso la Corte Superiore della contea di Los Angeles per presunti abusi sessuali, molestie sessuali, frode e sfruttamento di immagini sessuali di minorenni.

Olivia Hussey e Leonard Whiting, all’epoca rispettivamente di 15 e 16 anni e ora di 71 e 72 anni, hanno intentato una causa presso la Corte Superiore della contea di Los Angeles per presunti abusi sessuali, molestie sessuali e frode. Il film è  stato adattato per il grande schermo da Franco Brusati, Masolino D’Amico e dallo stesso Zeffirelli, ed è noto per essere, oltre che tra le rappresentazioni più fedeli al testo scritto (è girato in inglese), una delle prime versioni dell’opera di Shakespeare in cui gli attori principali sono molto vicini all’età dei personaggi originali.

A causa della scena di nudo tra i due protagonisti e della loro minore età, il film provocò qualche polemica e il rating originale in Gran Bretagna e negli Stati Uniti fu “A”, per adulti. Zeffirelli, per mostrare in una scena il seno di Olivia Hussey, dovette ottenere un permesso speciale dalla censura italiana; alla stessa Hussey fu proibita la visione a causa della scena da lei interpretata e l’attrice commentò come fosse possibile che non potesse vedere qualcosa che “vedo nello specchio ogni giorno”.

Stando a quanto riportato, il regista Franco Zeffirelli, morto nel 2019, inizialmente aveva detto ai due che avrebbero indossato indumenti intimi color carne nella scena della camera da letto, ma la mattina delle riprese, Zeffirelli avrebbe detto ai due attori che avrebbero indossato solo trucco sul corpo, pur assicurando loro che la telecamera sarebbe stata posizionata in modo da non mostrare nudità.

Secondo quanto riferito nella causa, Zeffirelli avrebbe detto agli attori che altrimenti il film sarebbe stato un fiasco e le loro carriere ne avrebbero risentito. Stando a quanto emerge nella causa i due avrebbero sofferto di danni emotivi e ansia e hanno chiesto un risarcimento di oltre 500 milioni di dollari.

cript async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button