ApprofondimentiCinema

Mastroianni in Otto e mezzo : anatomia di uno stile

Attualmente trasmesso su Mubi, il capolavoro di Federico Fellini segna anche con l'eleganza disinvolta e poetica del suo eroe in costumi premio Oscar.

(Parigi)-Se i canali televisivi francesi hanno recentemente scelto di scommettere sui film di Belmondo, De Funès e Piccoli , la piattaforma di streaming Mubi evidenzia Otto e mezzo di Federico Fellini (1963). Premiato con un Oscar per i migliori costumi (firmato dall’illustre Piero Gherardi), il capolavoro italiano si rivela un manifesto della moda sempre attuale, dove occhiali moderni, abiti a doppio petto bianchi, cravatte a punta quadrata, spalle a contrasto, pigiami e cappelli. Un fascino di sobrio chic che lo stesso Fellini aveva adottato e che rimane fonte di ispirazione per gli uomini moderni.

Va detto che nel pantheon degli attori chic, e ce ne sono molti, Marcello Mastroianni tiene il sopravvento. Nel ruolo del regista depressivo Guido Anselmi di Otto e mezzo , l’attore italiano indossa un costume bellissimo. Colori scuri, principalmente neri, taglio aderente, pantaloni stretti, generosa giacca bavero e soprattutto, dettaglio che non è: la famosa spalla romana, più strutturata della napoletana e meno marcata della spalla britannica. Una forma la cui eleganza rilassata è sempre apprezzata dai sarti italiani come Brioni.

L’attore non è l’unico a indossare il costume così bene in Otto e mezzo . In diverse scene, il personaggio del produttore, interpretato da Guido Alberti, appare in un abito (molto) chiaro in contrasto con i semi dell’eroe, ma evoca un altro ruolo importante di Mastroianni nelle scene finali di La Dolce Vita, i cui costumi sono stati disegnati anche di Piero Gherardi (e gli è valso un altro Oscar).

Immacolate, le camicie di Guido Anselmi hanno ancora una volta un colletto alla francese, classico, senza fantasia. Ma quando rimuove le balene che tengono il colletto solitamente in posizione, tende a ribellarsi leggermente – un dettaglio caro ai sostenitori della sprezzatura , quell’eleganza naturale, falsamente trascurata, di cui Mastroianni è l’ambasciatore. Le camicie con i polsini del moschettiere richiedono gemelli: rotondi, sobri, visibili solo quando le maniche sono arrotolate mentre accompagnano il movimento. Le cravatte scure a volte sfidano la punta quadrata e le bretelle sostituiscono la cintura.

Per quanto riguarda gli accessori, lo spettatore desideroso di eleganza non rimarrà deluso. Come questa sciarpa posizionata casualmente sulle spalle durante l’incontro con il cardinale e questi occhiali, con una cornice nera quadrata, che indossa nella scena cult del bagno. Gli occhiali sono uno dei marchi di fabbrica dei playboys dell’epoca e in particolare di Marcello Mastroianni, che già nel divorzio italiano (1961), rese famoso il modello Persol 649, originariamente creato per proteggere i conducenti tram da polvere e vento. In Otto e mezzo, la cornice rettangolare nera rivela linee quasi futuristiche per l’epoca. Un’estetica che da allora ha ispirato molti marchi, da Prada a Ray-Ban.

Ultimo ma non meno importante , l’accessorio di punta di Otto e mezzo non è altro che il cappello: un feltro nero in feltro Borsalino indossato un po ‘troppo piccolo per apparire più in alto sulla testa, e che si distingue per bordi alti, stile occidentale .

Poco dopo l’uscita di Otto e mezzo negli Stati Uniti, un giovane attore di Broadway è apparso negli uffici di Borsalino a New York, sostenendo il modello di Mastroianni nel film. Una richiesta declinò, poiché questo cappello con l’orlo speciale era stato fatto su misura su richiesta di Fellini. Il giovane sarebbe andato ostinatamente l’anno successivo alla storica fabbrica Borsalino ad Alessandria in Piemonte, dicendo: ” Buonasera, mi chiamo Robert Redford e vorrei il cappello di Mastroianni “.

Tags

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button
Close
Close