ESCLUSIVE

FOTOGRAFANDO LA DOLCEVITA

La nostra intervista esclusiva con la talentuosa fotografa Evita Paula

Il sorriso dolce e lieve che tinge d’allegria il viso di Evita Paula  s’impregna di un significato profondo quando comincia a parlare di fotografia. Se è vero che il viaggio è catalizzatore di nuove idee ed esperienze, in Italia e all’estero per scoprire sempre nuove dimensioni della fotografia. Adora  la sperimentazione, che  rafforza in questa talentuosa donna  l’ambizione di intraprendere la carriera fotografica. Con il nostro magazine ha curato a due progetti fotografici , con il suo brand Dolcevita si sta ritagliando un grande spazio nel campo della fotografia professionale.   Abbiamo fatto due chiacchiere con lei  , per farci raccontare il suo percorso   non solo professionale  .

Come è iniziata la tua passione per la fotografia?

“La mia passione per la fotografia probabilmente si è  intensificata con il mio talento nel disegno e nella pittura – che sentivo già forte all’età di 8/9 anni. Potrei facilmente disegnare solo con una semplice matita ritratti di persone e persino me stessa. Il design e l’arte mi hanno sempre attratto. Poi, più tardi, quando avevo circa 25 anni, alcuni dei miei amici mi hanno incoraggiato a fare di più con la fotografia, hanno apprezzato molto il risultato artistico delle mie prove al punto che ho persino ottenuto un lavoro per fotografare alcune sfilate di moda. Poi dopo un momento di grandi cambiamenti e sfide nella mia vita per un po ho messo in pausa la mia arte fotografica. Quando in seguito mi sono trasferita a Dubai dalla Lettonia e il mio ex capo mi ha regalato una macchina fotografica abbastanza buona – ho ricominciato a fare fotografia … ma il vero inizio – l’idea del mio marchio Dolc`Evita Photography è nato dopo che mi sono trasferita a Roma, ispirata da La Dolce Vita – la frase italiana che letteralmente si traduce come “The Sweet Life”. Il famoso capolavoro di Fellini è passato alla storia come un momento della vita pieno di bellezza, piaceri ed amore per la vita. Il film rispecchiava il tempo della grande crescita economica, la fine degli anni ’50 e i primi anni ’60, quando l’Italia sperimentò letteralmente il suo miracolo economico Più tardi La Dolce Vita Expression è entrata nel vocabolario di tutto il mondo. E in un certo senso assomiglia e rispecchia l’anima del mio lavoro, la mia creatività”.

Puoi dirci come trovi vivere e lavorare in Italia?

“In realtà è molto difficile, è un paese difficile sia per gli stranieri che per gli stessi italiani soprattutto se parliamo della parte centrale e meridionale del Paese. La vera sfida è quello che l’Italia rappresenta nel mondo e nell’immaginario collettivo cioè il bellissimo stile di vita italiano della Dolce Vita e l’impegno affinché questa veramente si realizzi. Il sistema non funziona allo stesso modo di altri paesi in Europa. Ma senza dubbio l’Italia è un paese attraente per l’industria del turismo, della moda e della bellezza e quindi anche per la fotografia. Roma è molto stimolante per gli artisti, si respira la sua eleganza in ogni angolo, in ogni stradina ma ovviamente ha anche i suoi problemi. In breve per avere successo devi avere la cerchia giusta di persone intorno a te, inventarti relazioni, fare amicizia, essere socialmente attivo e rimanere autentico a modo tuo. La crema della società culturale (in Roma) se posso chiamarla così – in realtà è un gruppo molto piccolo di persone. Tutti conoscono tutti”.

Cosa ti manca della tua bellissima Lettonia?

“Non ci vivo già da molti anni, ma la visito regolarmente e apprezzo sempre le nostre foreste verde smeraldo profondo, la nostra flora e fauna, le nostre colline e valli, laghi e fiumi e le morbide sabbie bianche sul mare. E poi le incantevoli notti estive, le lunghe ore del crepuscolo e le notti di mezza estate quando non è mai buio per davvero. Adoro anche i nostri piatti nazionali, in particolare “cottage cheese dumplings/pancakes”(gli gnocchi di formaggio / pancake ) e zuppa di cavolo acido”.

A quale progetto di lavoro stai lavorando ora?

“Ora è il momento per me di promuovere il mio marchio e, se possibile, trovare un po ‘di fama. Mi sto concentrando in particolare sulle agenzie turistiche e di marketing e alla ricerca di nuove collaborazioni con studi fotografici a Roma. Ho bisogno anche di più visibilità nelle riviste – stampate e online, quindi tutte queste cose occupano la mia mente in questo momento. E ci sono già alcune collaborazioni interessanti all’orizzonte”.

C’è un progetto di lavoro che porti sempre nel tuo cuore?

“Sì, in effetti, ho iniziato con questa idea già un paio di anni fa. The Modern Roman Goddess- La moderna Dea romana in cui l’antico incontra il moderno in collaborazione con la mia cara amica – la truccatrice Iryna Nofri e la talentosa hairdresser Valentina Malta. Purtroppo abbiamo fatto solo una dea: Flora. Alla fine mi piacerebbe continuare su questo per poi realizzare una mostra che celebra il potere femminile immortale e lo spirito divino in ogni donna”.

 Puoi dirci com’è stato l’ultimo servizio fotografico che hai fatto per la nostra rivista con la bellissima Stefania Secci?

Innanzitutto sono grata per la collaborazione con la tua rivista, che dura già da qualche anno e che spero possa continuare. Mi è piaciuto molto lavorare con Stefania Secci, è stata una collaborazione professionale oltre che artistica. Penso che ci siamo intesi immediatamente con Stefania, per me la sintonia con la modella è molto importante. Mi concentro al punto tale da stabilire un feeling cosi intimo che mi porta quasi a trasferirmi nel suo corpo invadendolo letteralmente con le mie emozioni che si possono poi ritrovare nelle immagini stesse della modella. In un’altra intervista ne ho già parlato. Lavorare con le donne rappresenta un’interessante evoluzione del mio lavoro. Ed è molto impegnativo. Metaforicamente è come il peeling di una cipolla, ci sono così tanti strati nella psiche femminile che non sai mai cosa nasconde il prossimo. E l’obiettivo è quello di mettere in risalto in ognuno di loro quello che non si vede sia essa una piccola principessa oppure una potente diva per fare poi emergere la vera indole di innocente fanciulla o di misteriosa femme fatale. Tutto questo era ciò che volevo ottenere con Stefania: sensuale diva e femme fatale e penso che ci siamo riusciti. Aggiungo che non potrei immaginare di lavorare senza la mia amica Irina che con il suo magico make-up  mi assiste in tutto a partire dall’idea, dai colori, dalle luci, dagli abiti ecc.

Tre cose nella tua vita a cui non rinunceresti mai ?

” Ci sono 3 cose fondamentalmente importanti nella mia esistenza che prego Dio che di non perdere mai.
-Aiutare e ispirare gli altri, essere lì per gli altri, restituire l’amore che ricevo ogni giorno
-La fede e l’amore per Dio
-Prendermi cura del mio corpo, benessere fisico. In Lettonia abbiamo un detto – in un corpo sano – spirito sano”.

 Cosa fai nel tempo libero?

“Trascorro il mio tempo libero con le persone che amo, questa è la migliore terapia. Adoro viaggiare e apprendere se possibile culture diverse e mi piace leggere di filosofia, spiritualità e aviazione. Inoltre spesso passeggio a lungo all’aria fresca. Un po ‘di tutto ciò, anche il mio tempo è molto importante.
9. Progetti futuri che vorresti realizzare? Se Dio lo permette, voglio un mio studio per promuovere la mia immagine e diventare più attiva e richiesta a livello internazionale”.

Se non avessi intrapreso questo percorso professionale, chi saresti oggi?

“Ingegnere aeronautico o architetto  … o forse la diplomatica. In realtà non sono mai stato solo fotografa, ho lavorato molto nel marketing e nell’import-export. Tuttavia la fotografia e l’arte mi fanno sentire più realizzata e sicuramente più felice”.

 

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio