Eventi

CALICI ad AGLIE’ quando il gusto è cultura

Agliè, l'evento enogastronomico più importante del Canavese giunto quest'anno all'ottava edizione. Protagonista, come sempre, sarà piazza Castello, suggestiva location alladiese, che ospiterà la manifestazione sabato 8 luglio, dalle 19.30 alla mezzanotte. Una ventata di rinnovamento a partire da titolo e sottotitolo che trovano maggior sintesi e forza: «Calici - Gusto è Cultura».

AGLIE’ – Si brinda con «Calici» ad Agliè, l’evento enogastronomico più importante del Canavese giunto quest’anno all’ottava edizione. Protagonista, come sempre, sarà piazza Castello, suggestiva location alladiese, che ospiterà la manifestazione sabato 8 luglio, dalle 19.30 alla mezzanotte. Una ventata di rinnovamento a partire da titolo e sottotitolo che trovano maggior sintesi e forza: «Calici – Gusto è Cultura». Le stelle scomparse dal titolo rimangono nei contenuti, anzi aumentano, le vere stelle dell’eccellenza enogastronomica territoriale: saranno 42 i produttori vitivinicoli, e 22 tra produttori, trasformatori agroalimentari e chef, come sempre, i protagonisti assoluti. L’evento è organizzato dall’Amministrazione comunale di Agliè, nell’ambito del Festival della Reciprocità delle Tre Terre Canavesane, con la direzione artistica di Daniele Lucca di Wine Voice Radio&Podcast e la collaborazione della Proloco Agliè. Una sinergia vincente che ha portato la manifestazione al successo (come dimostrano le immagini del video relative all’edizione 2022).

Quest’anno la selezionata enogastronomia d’eccellenza sarà costituita da quarantadue aziende vitivinicole del Consorzio Tutela Caluso, Carema, Canavese, dei Giovani Vignaioli Canavesani e ospiti del 2023 saranno le Barbera d’Asti della Cantina Post Dal Vin/Terre del Barbera di Rocchetta Tanaro con un produttore molto speciale: il Maestro Beppe Vessicchio, celebre per il suo talento e la simpatia, che tutti conoscono come direttore d’orchestra a Sanremo ma che pochi conoscono quale produttore enoico.  Per accompagnare i vini, ventidue tra Maestri del Gusto, Chef ed Aziende Agricole ed Artigiane agroalimentari territoriali, insieme ai collaudati Chef ospiti dalla provincia di Vercelli per i risotti! Infine, troveranno spazio i produttori di olio extra vergine canavesano, il genepy del Parco Nazionale del Gran Paradiso ed i Vermouth proposti dai produttori vinicoli presenti e anche da una azienda produttrice di mirtilli di Moncrivello.

La formula è sempre quella: enogastronomia di vera eccellenza + spettacoli di qualità. Punti di forza complementari per la valorizzazione del territorio e interesse sempre crescente da parte dei  fruitori dell’evento che giungono da tutto il Piemonte e regioni limitrofe. Dai 600 ingressi della prima edizione si è passati, in brevissimo tempo, ai 1500 ingressi abituali. Il programma prevede sempre, durante la serata, concerti o spettacoli con artisti nazionali. Quest’anno torna protagonista la musica con una band di prestigio internazionale: The Sweet Life Society. Ad accompagnare in musica lo svolgimento della serata pre e post concerto sarà il deejay-set DiscoVintage Experience: eccezionali sequenze sonore, rigorosamente in vinile, dell’Associazione DiscoVintage che inoltre, con i suoi valenti speaker racconterà la serata ed i suoi protagonisti in diretta radiofonica su Radio Alfa Piemonte con lo speciale “Radio Live Calici!”. Un’altra stella della serata, in questo caso dell’EnoArte, sarà la pittrice fiorentina Elisabetta Rogai. Le sue opere fanno parte delle più importanti collezioni pubbliche e private mondiali ed uniscono diversi aspetti del made in Italy (arte, vino e cultura). In una vera e propria live performance, Elisabetta Rogai dipingerà con i vini canavesani durante la serata. Un gioco, un messaggio ironico e sorprendente è la sua tecnica unica di dipingere con il vino al posto dei colori, rubare i colori del vino alla natura fissandoli sulla tela come un ricordo indelebile al tempo, dando modo al vino… di invecchiare. Ad animare ulteriormente la serata due performers itineranti: l’onirica ed elegante Madame Flûte e il sorprendente mago Daigoro.

La giornata che precede Calici, ossia “Anteprima Calici” venerdì 7 luglio vedrà protagonista l’abituale incontro/talk a carattere agro-enologico che, da narrazione emozionale ed esperienziale, quest’anno si trasforma in convegno, proponendo un approfondimento più tecnico e una visione per il futuro insieme a personalità nazionali, di un tema fondamentale: il cambiamento climatico e gli effetti sulla produzione vinicola in Canavese e in Italia. Questo il titolo: «Cambiamento Climatico: gli effetti sul territorio e sulla viticoltura, l’ausilio della ricerca, le risposte della politica agricola territoriale. Comportamenti etici e visione per il futuro». Parteciperanno: Marco Succio Sindaco di Agliè, Beppe Vessicchio, compositore e produttore vinicolo; gli interventi saranno affidati alla climatologa e ricercatrice Unito Torino Fiorella Acquaotta, a Maurizio Gily agronomo e docente Unisg Pollenzo, a Paolo Balocco, Direttore Settore Agricoltura e Cibo Regione Piemonte, a Silvio Barbero vice presidente dell’Unisg Pollenzo, a Bruno Mecca Cici presidente Coldiretti Torino. Interverranno Giuseppe Calabrese, gastronomo, docente e conduttore di Linea Verde su Raiuno e il presidente nazionale di Assoenologi Riccardo Cotarella. L’incontro verrà moderato dal  direttore artistico Daniele Lucca.

www.elisabettarogai.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio