Musica

“Achtung Baby” degli U2 compie 30 anni

Il 19 novembre uscirà la 30th Anniversary Special Edition (su vinile Standard e Deluxe) del disco, mentre a Berlino va in scena una nuova installazione dell'artista Thierry Noir

(Dublino)- Il 18 novembre del 1991 gli U2 pubblicarono uno dei loro indiscussi capolavori “Achtung Baby”, settimo lavoro della band capitanata da Bono, che descrisse l’album come “il suono di quattro uomini che abbattono “The Joshua Tree”. Jon Pareles del New York Times scrisse che “smantellando e sfidando le vecchie formule, gli U2 si sono dati la possibilità di lasciare un segno negli anni ’90”. Un segno che è ancora indelebile. A trent’anni di distanza, il 19 novembre, uscirà la 30th Anniversary Special Edition (su vinile Standard e Deluxe) di questo disco, che ha rivoluzionato la musica del gruppo irlandese.

Rivoluzionato e innovato. Perché con “Achtung Baby” i quattro rocker dublinesi uscirono dalla comfort zone del rock, per esplorare nuovi mondi e atmosfere, sullo sfondo di una città, Berlino, senza più muri ma con molte inquietanti macerie di cui liberarsi. A condurli e indirizzarli su una strada, che non sempre fu lineare e priva di ostacoli (anche relazionali, visto che la band fu addirittura sul punto di sciogliersi per incomprensioni e dissidi interni) ci furono Daniel Lanois e Brian Eno, collaboratori di lunga data, che li “introdussero” all’elettronica. Per gli U2 fu una vera e propria rivelazione e… la svolta.

Articoli correlati

Back to top button