Musica

Bruce Springsteen negozia la vendita del suo catalogo a Sony Music

La vendita del catalogo "capo" potrebbe essere la più grande del suo genere. Negli ultimi anni decine di artisti hanno ceduto i diritti di sfruttamento delle loro opere, assicurandosi un consistente montepremi.

(New York)-L’elenco dei musicisti che hanno recentemente ceduto i diritti di sfruttamento della propria musica potrebbe crescere nelle prossime settimane. Questa volta, è l’icona del rock americano Bruce Springsteen che potrebbe fare il grande passo, come rivela  Billboard .

Secondo una fonte anonima citata dalla rivista, l’operazione potrebbe essere conclusa per un importo stimato tra i 330 ei 415 milioni di dollari. In ballo i diritti di pubblicazione della musica del “Boss”, ma anche dei suoi maestri. Vero nervo di guerra per gli artisti, i master sono le copie originali e finali di una canzone o di un album, che consentono l’editing, il re-editing e la rimasterizzazione di un disco. Molti musicisti non li hanno, e quindi non sono in grado di gestire a loro piacimento la fruizione del loro lavoro. Questa situazione, ad esempio, ha spinto Taylor Swift a registrare nuovamente il suo intero catalogo, a possedere le sue canzoni.

Il trasferimento dei diritti di sfruttamento a terzi è diventato un luogo comune dallo scorso anno. Tra la perdita di reddito legata alla cessazione dei concerti durante la crisi del Covid-19, e la valutazione dei loro lavori a ridosso dei vertici, molti musicisti hanno fatto velocemente i conti, e hanno deciso di vendere parte o tutto dal loro catalogo. Neil Young, Shakira, i Beach Boys, Stevie Nicks oi Red Hot Chili Peppers, hanno tutti stretto accordi con società di investimento o la loro casa discografica per decine di milioni di dollari. Il premio va a Bob Dylan, che l’anno scorso ha venduto il suo catalogo per 300 milioni di dollari.

Nel caso di Bruce Springsteen si tratta di venti album in studio, oltre a diciassette album live e compilation. Dall’inizio della sua carriera nel 1973, il cantante del New Jersey ha venduto più di 120 milioni di album in tutto il mondo, di cui 65 milioni solo negli Stati Uniti. Raramente ha conosciuto una sola etichetta durante i suoi cinque decenni di carriera, la Columbia Records, una sussidiaria di Sony Music. Ed è proprio la major americana che sarebbe sul punto di acquisire il catalogo del ” capo “.

Billboard ha affermato che i colloqui sono in corso da mesi tra le due parti e che un aumento dell’imposta sulle plusvalenze, pianificato dal governo democratico nei prossimi mesi, incoraggia i musicisti a vendere rapidamente.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio