RecenzioniSpettacoloTeatro

SOPRAVVIVERE CON ORGOGLIO

 
Di   Federica Del Re
 

 
Qualche settimana fa abbiamo assistito ad una rassegna per corti di teatro, dove si è esibita l’attrice Valentina Celentano, con un monologo dal titolo “SOPRAVVIVERE CON ORGOGLIO” da lei scritto e interpretato, per la regia di Martina Sperotto. Il testo racconta la storia di una violenza: Una scrittrice alle prese con il suo ultimo romanzo, racconta una delle tante storie di violenza di genere, immedesimandosi a tal punto con la sua protagonista, diventando lei stessa la protagonista del suo racconto. Il monologo si conclude con una poesia.

 
 
                                                                                                                  
 

Non è facile riuscire a portare in scena uno spettacolo che parla di violenza, senza cadere nel visto e rivisto. E invece Valentina, ci riesce magistralmente, in modo molto interessante ed originale. Con un linguaggio delicato, senza pero’ tralasciare i particolari più crudi, e soprattutto, con un’ interpretazione intensa e magnetica. Riesce a catturare l’attenzione dello spettatore dalla prima all’ultima parola. Valentina più che interpretare il personaggio, diventa il personaggio. E’ un’attrice versatile, con il dono dell’immedesimazione. Passionale. Recita con il cuore e lo trasmette a tutti. Non risparmia nessun sentimento e nessuna emozione. Una regia leggera ed efficace quella di Martina Sperotto, che accompagna e completa l’interpretazione dell’attrice.
 Sei stata molto coraggiosa ed hai rischiato molto a scrivere un testo del genere, come mai hai scelto questa tematica?
Ho scelto di raccontare una storia di violenza perché il problema è ancora troppo diffuso e purtroppo, non so se mai si riuscirà a risolverlo. Ovviamente con uno spettacolo non si risolvono i problemi, pero’ sono dell’idea che l’arte tocca le corde più profonde e intime dell’animo umano e nel mio testo, come avrete notato, la vittima pone delle domande a se stessa e al suo carnefice e quando l’ho scritto, mi sono voluta illudere che chi assiste al mio spettacolo riuscirà a riflettere e magari anche a reagire…
…e aggiunge Martina: Non è facile capire come ci si ritrovi in certe situazioni di coppia, tutto è meraviglioso, l’amore ti fa volare, poi all’improvviso c’e’ qualcosa che non va…i tuoi diritti di donna e persona vengono improvvisamente calpestati e quello che inizialmente ti sembrava amore si trasforma in violenza. Alla fine di tutto questo buio si percepisce una piccola luce e ci si dirige verso quella direzione ed e’ per questo che SOPRAVVIVERE CON ORGOGLIO  diventa una missione e non solo un punto di partenza.
Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
Close