ApprofondimentiArte & CulturaWorld

Il trentanovesimo album di Asterix uscirà il 21 ottobre

Sarà un'avventura di "viaggio", afferma lo sceneggiatore Jean-Yves Ferri.

(Parigi)-Il trentanovesimo album di Asterix è atteso per il 21 ottobre, annunciato l Journal du Dimanche  dallo sceneggiatore Jean-Yves Ferri, diventato uno dei “ padri ” dell’irriducibile Gallia con lo stilista Didier Conrad.È in arrivo un insolito e inatteso album postumo di Asterix, opera dell’accoppiata storica composta da René Goscinny e Albert Uderzo. Il primo (che ideava le storie) morì già nel 1977, il secondo (esimio disegnatore) si è spento lo scorso 24 marzo. Ma un loro album (dal titolo «Le Menhir d’or») uscirà a Parigi in autunno: una vicenda, ovviamente, ad alto contenuto umoristico, una sorta di «The Voice» ante litteram in salsa celtica.

“ Questo è un album di ‘viaggio’, visto che l’ultima avventura è avvenuta nel villaggio. Asterix e Obelix partiranno per una destinazione inedita (…) questo paese non esiste realmente oggi come tale ”, ha indicato lo sceneggiatore. “ Ogni album è un piccolo passo verso il portare qualcosa di nuovo. E Obelix continua la sua lenta evoluzione psicologica ”, ha aggiunto.

Alla domanda se poteva ancora giocare con i cliché del paese visitato, come faceva questo fumetto, Jean-Yves Ferri ha ammesso che il compito era diventato più complicato. “ Negli anni Sessanta Albert Uderzo e René Goscinny potevano ridere degli stranieri, fare la caricatura degli inglesi con i loro grandi denti, dei greci con il loro profilo greco. L’atmosfera era di buon carattere. Oggi, hai quasi bisogno di un dizionario sulla tua scrivania per sapere su cosa puoi scherzare o no ” , ha detto. “ Giocare con i cliché fa parte dei codici di Asterix. Ma non mi dispiace allontanarmene un po ‘. Sono fortunato che il mio umorismo personale non mi porti a caricature troppo frontali. In “La Fille de Vercingétorix”, I.», Ha continuato lo sceneggiatore.

 Il 38° album, La Fille de Vercingètorix di Jean-Yves Ferri e Didier Conrad, è stato di gran lunga il libro più venduto nel 2019 in Francia. Dal 2013 gli eroi immaginati sessantuno anni fa da René Goscinny e Albert Uderzo (scomparso lo scorso marzo) hanno alternato un’avventura nel villaggio e un viaggio.

La storia era stata concepita dal tandem nel lontano 1967 e uscita allora come «album sonoro», in sostanza un 33 giri pubblicato dalla Philips e accompagnato da un libretto. Ebbene, è stato recuperato dall’editore Albert René nei propri archivi. Uscirà su carta in francese il prossimo 21 ottobre, 44 pagine in 100mila copie (non è ancora stato annunciato quando nelle altre lingue). Il racconto? È incentrato su un personaggio secondario della saga, Assurancetourix, un bardo strampalato (il poeta-cantore della tradizione celtica). Lui non ne può più di essere preso in giro e sminuito dagli altri abitanti del villaggio. Decide di partecipare nientepopodimenoche al concorso dei bardi gallici, che si tiene nella foresta dei Carnuti. Assurancetourix punta alto: vuole strappare il Menhir d’oro, la ricompensa più prestigiosa.

Asterix teme che il bardo si cacci nei guai e decide, assieme a Obelix, di accompagnarlo. Assurancetourix canterà, in effetti, ma stonerà anche… Interpreterà «Menhir montant», parodia di una canzone che Charles Trénet, famoso cantante francese, registrò nel lontano 1938, un po’ jazzata, come piacevano a lui, dedicata a Ménilmontant, ancora oggi un popolare quartiere parigino.

Il nuovo album è composto di un testo di Goscinny, che racconta la storia, e di una serie di illustrazioni, che già ai tempi Uderzo aveva disegnato. Ma proprio lui, prima di morire, assieme a un gruppo di fedeli collaboratori, le aveva riprese in mano per riadattarle. «Lo ha fatto alla fine del 2019 – ha ricordato al Journal du dimanche Céleste Surugue, direttrice generale della casa editrice Albert René -. Ha voluto dare la sua opinione su tutto e lavorato direttamente sulla copertina. Ci diceva che gli faceva un immenso piacere immergersi di nuovo in questa storia vecchia di più di cinquant’anni».

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button