Approfondimenti

L’Affido condiviso ed il collegamento del minore

Nozioni Giuridiche dell'Avvocato Francesca Pileggi

Al fine di ottenere nuove e precise regole in tema di responsabilità genitoriale, nel 2006 è stata introdotta nel nostro ordinamento giuridico la l. 8 febbraio n. 56 che, pur non contenendo un’espressa disciplina in materia di collocamento del minore, ha inteso valorizzare l’esigenza del figlio minore di continuare a godere, anche nelle ipotesi di crisi coniugale, di un intenso rapporto con entrambe le figure genitoriali.

Ai figli minori dev’essere, infatti, garantito il diritto “di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale”. Difatti, il giudice è tenuto a valutare “prioritariamente la possibilità che i figli minori restino affidati a entrambi i genitori” sulla base del c.d. principio della bigenitorialità.

E’ fondamentale precisare che l’affidamento condiviso non consiste, nei fatti, nella pari suddivisione fra i genitori del tempo di permanenza con i figli, bensì nell’assunzione condivisa della responsabilità e delle scelte genitoriali e nel mantenimento di un costante rapporto di frequentazione e cura della prole.La principale novità introdotta dalla novella del 2006 è proprio la seguente: l’affido congiunto, da mera eccezione, diventa la regola.

Se però l’obiettivo dell’affidamento condiviso è quello di consentire a entrambi i genitori di conservare, anche successivamente alla separazione coniugale, un’analoga responsabilità e compartecipazione alla quotidianità dei figli, la collocazione della prole presso l’uno o l’altro genitore rappresenta una vera e propria esigenza pratica discendente dalla separazione dei due genitori.

La questione relativa alla residenza del minore deve necessariamente seguire il “prioritario interesse dei figli”, ed evitare “ai figli minorenni o anche ai maggiorenni tuttora non economicamente autosufficienti non per propria colpa, l’ulteriore trauma di un allontanamento dall’abituale ambiente di vita e di aggregazione dei sentimenti” .Alla prole, infatti, dev’esser garantita la possibilità di mantenere, senza traumi, lo standard di vita realizzato in costanza di convivenza dei genitori.

 

Avv. Francesca Pileggi

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio