Approfondimenti

TATI BAVASTRELLI CAMPIONE NAZIONALE RISIKO 2020

Il vincitore è un imprenditore di 52 anni , palermitano , vive a Torino da 20 anni. Segna un grande record : è l'unico ad aver vinto per due volte l'ambito titolo

Milano, 23 febbraio – Dopo mesi di sfide disputate dal vivo e sul web, si è svolta oggi a FICO Eataly World a Bologna la finalissima del Torneo Nazionale di RisiKo! 2020 organizzata da Spin Master – Editrice Giochi, che ha decretato la vittoria del Campione Nazionale 2020Tati Bavastrelli, tra 32 partecipanti da ogni parte d’Italia.
Imprenditore 52enne di Palermo, vive e lavora a Torino da 20 anni dove ha un’azienda nel settore dei prodotti educativi e appartiene al RisiKo! Club Ufficiale Gianduia. Bavastrelli segna con questa vittoria un record assoluto: è il primo Campione Nazionale ad aver vinto due volte l’ambito titolonel 2020 e nel 1991. Gioca a RisiKo! da quando aveva 11 anni – la sua prima partita è stata nel 1979 – e le sue pedine preferite sono da sempre le gialle, ma ha disputato la finalissima con le armate verdi.
Sono centinaia i giocatori che durante tutto l’anno si sono sfidati sul web oppure dal vivo nelle gare organizzate dagli oltre 20 Risiko Club Ufficiali sparsi sul territorio italiano, per cercare di guadagnarsi un posto nella finale, che si è svolta sabato 22 e domenica 23 a Bologna, articolata in 3 turni elimatori, 2 semifinali e una finalissima.
Ispirato al gioco francese del 1957 “La conquête du monde” e reinterpretato per l’Italia da Editrice Giochi negli anni ‘70RisiKo! è il gioco di strategia per antonomasia in Italia: dopo 40 anni di storia100.000 pezzi venduti ogni anno per raggiungere le case di oltre 10 milioni di italiani500.000 partite disputate nella versione digital, decine di migliaia di fan sulle pagine social ufficiali, RisiKo! nel 2017 è stato protagonista di un importante rilancio, uscendo con una nuova veste grafica, un nuovo packagingun nuovo logo e la nuova regola del Time Attack per adattarsi ai tempi moderni e continuare ad appassionare intere generazioni di fan della Kamchatka.
Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close