Arte & Cultura

Andrea Tarabbia vince il Campiello

Il suo romanzo "Madrigale senza suono", edito da Bollati Boringhieri, ha ottenuto 73 voti su 277

(Venezia) Andrea Tarabbia con ‘Madrigale senza suono’ (Bollati Boringhieri) vince la 57/ma edizione del Premio Campiello. Lo scrittore ha avuto 73 voti sui 277 arrivati dalla Giuria Popolare di Trecento Lettori Anonimi. Al secondo posto Giulio Cavalli, con ‘Carnaio’ (Fandango Libri), che ha avuto 60 voti e al terzo Paolo Colagrande con ‘La vita dispari’ (Einaudi), 54 voti. Al quarto posto, con un piccolo distacco, Laura Pariani con ‘Il gioco di Santa Oca’ (La nave di Teseo) con 52 voti e all’ultimo posto Francesco Pecoraro con ‘Lo stradone’ (Ponte alle Grazie), con 38 voti.

Tarabbia, nato a Saronno nel 1978 (ma vive a Bologna), ha pubblicato, tra gli altri, i romanzi La calligrafia come arte della guerra (2010), Il demone a Beslan (2011), Il giardino delle mosche (2015; Premio Selezione Campiello 2016 e Premio Manzoni Romanzo Storico 2016) e il saggio narrativo Il peso del legno (2018). Nel 2012 ha curato e tradotto Diavoleide di Michail Bulgakov.

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
Close