Arte & Cultura

ROMA APRIRA’ AL PUBBLICO LE STRADE CHE PORTARONO ALLA MORTE GIULIO CESARE

Noto per ospitare le ultime vestigia della curia dove fu assassinato il dittatore, questo lotto archeologico sarà completamente riqualificato.

(Roma)-  Giulio Cesare , forse aveva idee altrove quando lasciò la curia di Pompeo nel – 44. Forse pensava alla spedizione contro i Parti che stava prendendo forma davanti a lui, o di farsi re prima della sua partenza. La monarchia militare che stava installando lo portò ad essere assassinato quando lasciò l’edificio pubblico da una manciata di cospiratori repubblicani. L’immagine è nota, ben servita nell’immaginario collettivo da una miriade di dipinti e film. Il posto lo è meno. Fuori dal centro del Foro Romano, le rovine della Curia di Pompeo si trovano oggi al centro di Largo di Torre Argentina, in mezzo ad altri resti di quello che un tempo costituiva il portico monumentale di Pompeo. Fino ad ora vietato al pubblico, il sito sarà soggetto a una riqualificazione da metà maggio ha annunciato mercoledì il municipio di Roma. L’obiettivo. il gol? Rendi accessibile questa porzione dell’antica Roma che vide la scomparsa di Giulio Cesare.

Più occupato oggigiorno dai gatti randagi della capitale italiana che da legioni umane, il prossimo sito dovrebbe consentire ai passanti romani di avvicinarsi il più possibile alle rovine situate al di sotto. Nuovi accessi moderni e aerei, passerelle illuminate in questo caso da led, saranno il cuore di questo dispositivo pensato per essere accessibile a persone con mobilità ridotta e finanziato da sponsorizzazioni. Il sistema di illuminazione proposto dovrebbe, da parte sua, consentire di mettere in mostra magnificamente i resti antichi di notte. Questi lavori saranno l’occasione per restaurare e valorizzare i vari monumenti di Largo Argentina, tradizionalmente qualificata come area sacra (“ Area Sacra di Largo Argentina“) A causa dei suoi molteplici templi. Infine, negli adiacenti passaggi sotterranei, sotto Calle San Nicola de Cesarini, verrà realizzato anche uno spazio espositivo per presentare la storia di questo lotto archeologico e parte del materiale antico scoperto in loco.

” Sarà un viaggio sicuro tra i fasti dell’Antichità: i visitatori potranno letteralmente camminare nella storia ” , ha detto in un comunicato il sindaco di Roma Virginia Raggi , salutando la nuova giovinezza proveniente da ” uno dei siti archeologici più suggestivi del città “.

Senza essere mai stato il cuore della Roma antica, la Curia di Pompeo era, al momento dell’attacco contro Cesare, un grande complesso monumentale costruita intorno alla metà del I ° secolo aC. D.C. dal generale e statista romano, storico rivale del conquistatore della Gallia. Questo comprendeva il primo teatro permanente della città, associato al tempio di Venere Vincitrice, nonché un vasto portico nella sua fila, che consisteva in una passeggiata fiancheggiata da statue che portava al luogo del raduno. Le antiche rovine di Piazza Largo Argentina furono scoperte negli anni ’20, durante importanti lavori effettuati nella città di Roma in epoca fascista.

out of; (c) Royal Shakespeare Company Collection; Supplied by The Public Catalogue Foundation

I visitatori che deriverebbero per vedere i resti di costruzione possono disilluso, la più bella di Largo Argentina rimane appartenenti non alla costruzione fatale, ma a quattro templi romani costruiti tra il IV ° e II ° secolo aC. Erano, tuttavia, ben posizionati proprio accanto alla curia, di cui è visibile solo  una fondazione ai margini dell’area . Bandita dopo l’assassinio di Cesare, la Curia di Pompeo fu addirittura trasformata in una latrina, secondo lo storico romano del II esecolo Dion Cassius. Sebbene non sia ancora noto se sarà in grado di aprire al pubblico per le Idi di marzo, l’Area Sacra di Largo Argentina dovrebbe iniziare ad accogliere i suoi primi visitatori nel prossimo anno. A meno che un’eventuale estensione della pandemia Covid-19 non ne rinvii l’apertura fino ai calendari greci.

Articoli correlati

Back to top button