Arte & Cultura

Un tesoro di monete bizantine scoperto nelle alture del Golan

Un preventivo intervento di scavo ha portato alla luce questo lotto, probabilmente nascosto all'epoca delle guerre con i nuovi califfi.

(Alture del Golan , Siria)-I ricercatori della Israel Antiquities Authority (IAA) hanno portato alla luce un tesoro bizantino di 44 monete d’oro durante un’operazione di scavo nelle  alture del Golan , nel nord di Israele, secondo quanto annunciato lunedì dall’ente pubblico. Secondo gli archeologi, questo lotto di solidi  , , monete d’oro in circolazione nel Mondo Bizantino o , fu sepolto intorno al 635, cioè durante la conquista araba della Siria.

Con un peso di circa 170 grammi, il set era stato nascosto alla base di un muro di pietra nell’antica città di Baniyas, conosciuta in epoca romana come Cesarea di Filippo. Il dritto delle varie monete raffigura due imperatori del VII secolo : Foca (602-610) e, in modo schiacciante, Eraclio (610-641). Tuttavia, la fine del regno di Eraclio fu segnata dalle guerre guidate dai primi califfi che, negli anni ’30 del 600, si impadronirono dell’intero Levante bizantino , compresa la Siria, prima di continuare le loro conquiste in Egitto e sui monti persiani .

“Possiamo immaginare il proprietario che nasconde la sua ricchezza sotto la minaccia della guerra, sperando di tornare un giorno per reclamare la sua proprietà. Con il senno di poi, sappiamo che è stato meno fortunato “, ha detto il responsabile degli scavi Yoav Lerer in una nota. Dopo la morte di Maometto nel 632, i califfi Abu Bakr e poi Omar orchestrarono una spedizione armata in Siria e Palestina . La prima metropoli bizantina ad essere assediata, Damasco cadde nel 634. Nel 636, le forze arabe ottennero una vittoria decisiva nella battaglia di Yarmouk, non lontano da Baniyas. Segna, fino alle Crociate , l’inizio della Siria musulmana.

Articoli correlati

Back to top button