Attualità

Campania, niente alcolici dopo le 22, bar chiusi all’1 di notte: ordinanza di De Luca

De Luca gioca d’anticipo: ordinanza 53 per bloccare la vendita d’asporto degli alcolici dopo le 22 in bar, chioschi, pizzerie ristoranti, pub, vinerie e supermercati e distributori automatici

(Napoli)- La Regione Campania emana l’ordinanza 53 dell’emergenza Coronavirus ed è sostanziamente un atto che blocca ogni ipotesi di ‘totale apertura’ dei bar che vendono alcolici. L’atto firmato da Vincenzo De Luca prevede dopo le ore 22 divieto di vendita d’asporto di alcolici «di ogni gradazione» nei locali notturni «compresi bar, chioschi, pizzerie ristoranti, pub, vinerie e supermercati e distributori automatici». La specifica si è resa necessaria: come documentato da Fanpage.it nella notte molti locali (pizzerie) avevano iniziato a vendere alcolici da asporto, senza dunque stapparli.

The indication of ‘ Social distancing’ , to avoid the danger of spreading contagion from Covid-19, disregarded by the crowd of people busy giving their shopping in the street market of the ‘Rione Sanita’ in Naples, Italy, 3 april 2020
ANSA / CIRO FUSCO
C’è anche quella che per Napoli sarà ribattezzata “norma anti Aniello Falcone”. Ovvero l”ordinanza regionale «vieta dalle 22 alle 6 del mattino «consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali». In pratica stop all’acquisto di superalcolici mixati in strada, sulle panchine o sui muretti delle strade panoramiche (dal Lungomare Caracciolo a via Aniello Falcone). Resta consentita «la facoltà di apertura a partire dalle 5 del pomeriggio ed è disposto l’obbligo di chiusura entro l’1 di notte, con obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle 22». Niente limitazioni nell’orario di chiusura di ristoranti, pub e pizzerie.  Sono previste in caso di inadempienza sanzioni da 400 a 1000 euro. L’ordinanza – che qualcuno ha già ribattezzato ‘il coprifuoco di De Luca‘ – potrebbe scatenare lo scontro politico col sindaco di Napoli Luigi de Magistris che invece da giorni sta lavorando ad una delibera “apri tutto” destinata proprio ai baretti partenopei.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button