Attualità

Coronavirus, Conte: “Chiuderemo ogni attività produttiva non essenziale. Negozi di alimentari e farmacie resteranno aperti. E’ la sfida più difficile dal dopoguerra”

Il presidente del Consiglio parla su Facebook dopo una giornata drammatica, segnata da dati molto negativi sul piano dei contagi e dei morti. Annuncia la nuova stretta ma assicura: "I servizi essenziali saranno garantiti". E conclude: "Rallentiamo il motore del Paese ma non lo fermiamo"

(Roma)- Parla al termine di una giornata drammatica, Giuseppe Conte. Dopo nuovi dati negativi sui contagi e sui decessi. E dopo un pressing arrivato da Regioni, sindacati  e dall’opposizione per una ulteriore stretta del governo. Lo fa, in diretta Facebook, per un aggiornamento sull’epidemia.

Per annunciare nuove misure contro il coronavirus. Prima ha incontrato le forze sociali (sindacati e piccole imprese hanno chiesto lo stop di tutte le attività industriali non strategiche).  Poi ha visto i capi delle delegazioni dei partiti al governo. “Questa è la sfida più difficile dal dopoguerra”, premette. E poi annuncia: “Chiuderemo tutte le attività produttive non cruciali. Ma restaranno aperti supermercati, alimentari, farmacie e parafarmacie. E i servizi essenziali saranno garantiti”.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button