Attualità

Coronavirus, De Luca: ‘Pronto a chiudere i confini della Campania’

ll governatore all'attacco sulle ipotesi di una Fase 2 rapida, anche nei territori più colpiti: "Faremo un’ordinanza con la quale vieteremo l’ingresso di cittadini provenienti da regioni con il contagio pienamente in corso. Se riapriramo le attività in maniera indifferenziata e poi, dopo due settimane, saremo costretti a richiudere tutto, noi non reggeremmo più e crollerebbe l’Italia"

(Napoli)- C’è “chi preme per affrettare la ripresa di tutto ma dobbiamo avere grande senso di responsabilità”. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso di una conferenza per fare il punto sull’emergenza Coronavirus. “Se dovessimo avere corse in avanti in regioni dove c’è il contagio così forte, la Campania chiuderà i suoi confini. Faremo una ordinanza per vietare l’ingresso dei cittadini provenienti da quelle regioni”, ha proseguito De Luca.

“Ho ascoltato posizioni di altri colleghi presidenti di Regione, soprattutto del Nord ma anche del Sud – ha aggiunto – che premono per affrettare la ripresa di tutto. Io credo che dobbiamo avere grande senso di responsabilità, partendo dai dati concreti”. Il rischio, secondo il presidente della Regione Campania, è dietro l’angolo: “Possiamo fare anche la corsa a riaprire tutto, l’isolamento dei cittadini e la limitazione alla mobilità sono cose che pesano. Ma la cosa più drammatica sarebbe un’altra: riaprire le attività economiche in maniera indifferenziata e poi, dopo due settimane, il tempo di sviluppo del contagio, essere costretti a richiudere tutto. In questo caso sì, noi non reggeremmo più e crollerebbe l’Italia”.

“Se manteniamo il rigore che abbiamo avuto finora, a metà maggio potremo dire di aver sconfitto in Campania il Coronavirus”, ha detto De Luca. Ha analizzato i dati del contagio dei primi giorni di aprile sottolineando che a questi ritmi si “sarà fuori a metà maggio”. Nei prossimi giorni, ha proseguito sempre De Luca, saranno intensificati i controlli nelle strutture che ospitano gli anziani.

“Stiamo già distribuendo 3 milioni di mascherine perché dal 3/4 maggio l’uso delle mascherine sarà obbligatorio”, ha detto ancora. Le mascherine (in confezione da due), arriveranno, ha spiegato De Luca, nelle case dei campani, grazie ad una intesa con le Poste Italiane. Al momento è stata avviata la distribuzione alle categorie a rischio.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button