Attualità

Coronavirus, il sindaco di Napoli De Magistris: “Per salvarci non resta che la zona rossa”

Il primo cittadino commenta la folla che si è riversata sul lungomare, sottolineando che "chiuderlo non è la soluzione"

(Napoli)- “Siamo ormai arrivati al punto che per salvarci da vere colpe ormai evidenti non ci resta che attendere la zona rossa con immediati ristori per chi rimane senza soldi”. Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Sulla folla che si è riversata sul lungomare della città, il primo cittadino ha sottolineato che “chiuderlo non è la soluzione”.

“Napoli non è un piccolo comune – ha aggiunto – è una grande metropoli, con la maggiore densità abitativa d’Europa. Soprattutto quando il tempo è buono la gente esce per strada e la limitazione degli orari concentra ancora di più le persone nelle uscite”.

De Magistris ha poi sottolineato che “le forze di polizia devono certo aumentare i controlli per quanto realisticamente possibile, ma è inutile pensare di chiudere una strada piuttosto che un’altra perché la gente non scompare. La soluzione, quindi, non è questa. I sindaci, per legge, non possono adottare il lockdown o chiudere tanti luoghi, possono solo chiudere alcuni posti, una strada o una piazza, se però viene segnalato in sede di Comitato provinciale per l’Ordine e sicurezza pubblica da approfondimenti delle forze di polizia e dell’Asl”.

Il primo cittadino di Napoli ha inoltre ricordato che “la città per il governo è zona gialla, una zona dove le persone possono uscire in strada”. Proprio in merito alla divisione per zone dell’Italia, il sindaco ha detto: “Quasi un mese fa il presidente della Regione aveva annunciato il lockdown quando la situazione era anche meno drammatica e il consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, auspicava subito il lockdown a Napoli. Tutto questo mi induce a chiedere: ma a chi aspettate allora? Cosa sta accadendo in Campania? Perché per venti giorni ci dite che siamo zona rossa e poi diventiamo all’improvviso area gialla?”.

A Napoli ospedali in crisi – Molto preoccupato della situazione sanitaria è Giuseppe Galano, responsabile del 118 a Napoli e coordinatore della rete regionale del soccorso d’emergenza. “Ci sono file di ambulanze e auto private in tutti gli ospedali di Napoli – ha spiegato -. Cotugno, Cardarelli, Ospedale del Mare sono tutti in crisi totale nel ricevere i pazienti Covid. Stiamo portando pazienti anche all’ospedale Pellegrini e al San Paolo, perché ormai non riusciamo più a smaltire con i grandi ospedali. Ma anche queste strutture vanno in difficoltà perché hanno pochi posti riservati ai sospetti Covid e si ingolfano velocemente. La situazione è questa a Napoli ma so che è molto difficile anche nelle Asl della provincia”.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button