AttualitàPolitica

Natale in zona rossa per l’Italia: trattative in corso sui giorni del lockdown

Concluso l'incontro tra il premier Conte e la delegazione di Iv. Bellanova: "Abbiamo rappresentato al premier le nostre argomentazioni, ora aspettiamo che faccia una riflessione per vedere se ci sono le condizioni per andare avanti" l

(Roma)- È terminato a palazzo Chigi l’incontro tra il premier Conte e la delegazione di Iv, composta dai capigruppo Davide Faraone e Maria Elena Boschi, dalle ministre Elena Bonetti e Teresa Bellanova, dal presidente Iv, Ettore Rosato, e da Matteo Renzi. Fonti Palazzo Chigi: incontro Conte-Iv franco e cordiale “E’ stato un incontro franco e cordiale, anche in virtù dei temi anticipati ieri dalla lettera che il senatore Matteo Renzi ha inviato al presidente del Consiglio”. E’ quanto sottolineano fonti di Palazzo Chigi interpellato sull’incontro di questa sera tra Conte e la delegazione di Italia Viva. 

Risposte concrete, che diano il segno di un cambio di rotta nel merito e nel metodo, entro i primi giorni di gennaio. Le avrebbe chieste Matteo Renzi al premier Giuseppe Conte, a quanto riferiscono fonti presenti all’incontro, nel corso del vertice a Palazzo Chigi.   Bellanova: consegnato documento “Abbiamo consegnato al presidente Conte il documento” con le nostre rivendicazioni, ha detto la ministra Bellanova lasciando palazzo Chigi. Conte ha valutato il documento “costruttivo e importante – precisa la ministra – lo approfondirà e avremo ulteriori passaggi. Aspettiamo che il Presidente del Consiglio faccia una riflessione e ci faccia sapere se ci sono le condizioni per continuare a lavorare, dandosi un programma ulteriore”.  In base a questo primo passaggio, i ministri di Italia viva, Bellanova e Bonetti, parteciperanno al Consiglio dei ministri di domani e Italia viva sosterrà le leggi in discussione in Parlamento. Bellanova precisa: “Stiamo lavorando in Parlamento per dare il nostro contributo a migliorare i provvedimenti. Alla Camera la legge di bilancio, al senato il dl migranti. Continueremo a partecipare al Cdm, così come in Parlamento stiamo sostenendo i provvedimenti”.

In base a questo primo passaggio, i ministri di Italia viva, Bellanova e Bonetti, parteciperanno al Consiglio dei ministri di domani e Italia viva sosterrà le leggi in discussione in Parlamento. Bellanova precisa: “Stiamo lavorando in Parlamento per dare il nostro contributo a migliorare i provvedimenti. Alla Camera la legge di bilancio, al senato il dl migranti. Continueremo a partecipare al Cdm, così come in Parlamento stiamo sostenendo i provvedimenti”. La ministra per le Politiche agricole prosegue: “Abbiamo ribadito al Presidente del Consiglio che i problemi a cui bisogna dare risposta non sono gli incarichi nè nuove formule di Governo. Le questioni sono quelle del documento: quale idea di Paese, come affrontare la gravissima crisi che abbiamo di fronte a noi. Nei primi 9 mesi del 2020 ci sono state minori assunzioni per il 34%, che vanno ad aggiungersi ai troppi ragazzi e ragazze disoccupati.

A marzo finisce il blocco dei licenziamenti, questo Paese rischia di avere una questione economico-sociale e problemi di ordine pubblico. Dobbiamo definire le scelte di coraggio che bisogna fare. Questo è il punto” La ministra fa inoltre sapere che “al momento non è stata convocata” la riunione tra il premier Conte e i capi delegazione di maggioranza, data per possibile già in serata. Al vaglio del vertice di maggioranza ci sarà la possibilità di porre tutta l’Italia in zona rossa dalla Vigilia di Natale fino alla Befana o al 3 gennaio o, in alternativa, di chiudere solo nei giorni festivi e prefestivi dello stesso periodo. Nel pomeriggio si è svolta una seduta interlocutoria della Conferenza Stato-Regioni tenuta in videoconferenza dal ministro Boccia. L’incontro in pratica ha rimandato alle decisioni da prendere nel vertice con i capi delegazione.

Una riunione del Consiglio dei ministri è prevista per domani alle 18. Sul tavolo potrebbe esserci anche la discussione delle nuove misure restrittive che si applicheranno nei giorni delle festività natalizie se dovesse andare a buon fine l’incontro di questa sera di Conte con i capi delegazione. Boccia: “Ristori certi e tempestivi per chiusure di Natale” Le restrizioni per il periodo di Natale saranno accompagnate da “da ristori certi che vareremo tempestivamente”. Lo ha garantito il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia nel corso della riunione con Regioni, Province e Comuni. Il ministri riconvocherà domani gli enti locali dopo l’incontro tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione per illustrare le misure che verranno decise.

 

 

 

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio