Attualità

Nobel Pace 2022 a Ales Bialiatski e a due Ong

L'attivista bielorusso è noto per il suo lavoro con il Viasna Human Rights Centre of Belarus. Il Comitato: "Il Premio non è contro Putin, ma per i diritti umani"

(Stoccolama)-Nobel pace 2022 assegnato al difensore dei diritti umani bielorusso Ales Bialiatski, all’organizzazione russa per i diritti umani Memorial e all’organizzazione ucraina per i diritti umani Center for Civil Liberties.Lo ha annunciato la Reale accademia svedese delle scienze.Ales Bialiatski è un attivista bielorusso noto per il suo lavoro con il Viasna Human Rights Centre of Belarus. Il Comitato per il Nobel ne ha chiesto la liberazione alla Bielorussia.

Le motivazioni – Il comitato per il Nobel pace ha deciso di assegnare il premio per la Pace a “tre eccezionali difensori dei diritti umani, della democrazia e della coesistenza pacifica nei Paesi vicini Bielorussia, Russia e Ucraina”, ha spiegato la presidente Chair Berit Reiss-Andersen nel suo annuncio.”Hanno compiuto uno sforzo eccezionale per documentare i crimini di guerra, le violazioni dei diritti umani e l’abuso di potere. Insieme dimostrano l’importanza della società civile per la pace e la democrazia”, ha detto Reiss-Andersen, aggiungendo che “i vincitori del premio Nobel per la Pace rappresentano la società civile nei loro Paesi d’origine. Da molti anni promuovono il diritto di criticare il potere e tutelare i diritti fondamentali dei cittadini”.

Comitato: “Il Premio non è contro Putin, ma per i diritti umani”

– “Questo Nobel Pace non è un messaggio a Putin per il suo compleanno o per qualsiasi altro motivo. Il Premio per la Pace non è mai contro qualcuno, ma per promuovere coloro che si battono per la società civile e i diritti umani. È certo che il governo di Putin e il governo bielorusso rappresentano un governo autoritario che reprime gli attivisti per i diritti umani”, ha sottolineato ancora Berit Reiss-Andersen.

 

 

Ong russa: un onore condividere il premio Nobel con ucraini – 

“E’ un onore ricevere il premio Nobel insieme all’ucraino Center for Civil Liberties”. Lo ha detto Oleg Orlo, leader storico dell’ong russa Memorial, bandita a Mosca e premiata dal Comitato norvegese. “Noi siamo sotto pressione, loro sotto il fuoco del nostro esercito. E anche in queste condizioni continuano a lavorare. E’ un immenso onore essere al loro fianco”, ha aggiunto. Questo Nobel dà “la forza morale a tutti i militanti russi dei diritti umani” in “tempi deprimenti”, ha commentato con la stampa anche il presidente di Memorial international Ian Rashinski.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio