Attualità

Venduto in Svizzera l’orologio più costoso del mondo: 28 milioni di euro

Un orologio Patek Philippe è stato venduto per un prezzo record di 31 milioni di franchi svizzeri (28 milioni di euro) in un’asta di beneficenza ospitata da Christie’s in Svizzera.

Arrivederci Rolex Daytona indossato da Paul Newman … L’orologio da polso più costoso del mondo è ora un Patek Philippe. Prendi una rarità, una grande campana; aggiungere a questo la scarsità di parti in acciaio all’interno di questa manifattura. Il lotto n. 28 dell’edizione 2019 della vendita di Onlywatch aveva tutto per diventare un nuovo orologiaio del Graal.

Tanto meglio per Onlywatch, la vendita dell’orologeria immaginata da Luc Pettavino per finanziare la lotta contro la miopatia muscolare di Duchenne che ha portato via suo figlio. A causa della leggerezza dei costi di gestione dell’associazione, il 99% dei profitti derivanti da questa vendita è destinato direttamente alla ricerca. “Sono una piccola ape impollinatrice, dice modestamente l’iniziatore di questa vendita di beneficenza. Ciò che è bello in Onlywatch è che non c’è mai una discussione con un rivenditore di tappeti che non desidero nemmeno creare emozioni, per ognuno il suo processo di adesione al progetto. Per quanto riguarda la ricerca, oggi siamo vicini alle sperimentazioni cliniche e la nostra scienza non ha mai mostrato alcun pericolo “.

 

I principali collezionisti erano alla ricerca, online e nei saloni dell’Hotel des Bergues di Ginevra. Albert de Monaco era al primo posto, così come Thierry Stern, presidente di Patek Philippe. Non lontano, nella sala, il nuovo detentore dell’ago d’oro, François-Henri Bennahmias, applaudì all’unisono della sala. “Tutti sono molto contenti che ci sia una fantastica locomotiva come questa Patek a portare la vendita, confidata prima della vendita il presidente dell’Associazione monegasca contro le miopatie, vincitore anche del Premio speciale della giuria del 2019 Premio dell’orologeria di Ginevra. Avendo organizzato la vendita a Ginevra all’inizio della settimana delle vendite vintage, è anche possibile ottimizzare la frequentazione.

Presentato nel 2014 in occasione del 175 ° anniversario del marchio, il Grandmaster Chime in oro bianco fa parte delle collezioni Patek Philippe dal 2016. Il più complesso degli orologi complicati della casa incorpora venti complicazioni, cinque funzioni acustiche. , tra cui due brevettati, da un lato un allarme preprogrammato e la suoneria della data su richiesta. Siamo stati in grado di ammirarla e prenderla in mano durante la sua mostra a Christie’s a Parigi. Imponente nelle dimensioni (47,7 mm di diametro e 16,07 mm di spessore), è anche a doppia faccia, con i suoi due quadranti in oro rosa e nero avorio. Oltre alla cassa reversibile in acciaio con decoro “Clous de Paris” decorato a mano, questo pezzo unico è contrassegnato dall’iscrizione “L’unico” sul quadrante secondario a mezzogiorno, segno del suo carattere esclusivo, se necessario a In totale, l’edizione 2019 di questa vendita biennale avrà restituito 35,1 milioni di euro a scopi di beneficenza.

Da solo, questo Grandmaster Chime, creato appositamente per la vendita, rappresenta l’80% del totale delle aste dell’edizione 2019. Oltre a questo orologio, il suo acquirente vince anche una visita di un giorno all’interno della manifattura Patek Philippe. , tra la visita dei laboratori e del museo e il pranzo con Thierry Stern, il presidente della casa Durante questa vendita, altri pezzi unici hanno spaventato i contatori, come il Tudor Black Bay Ceramic One, messo all’asta per sessanta volte la sua stima, a 318.000 euro. Ma anche il prototipo offerto da François-Paul Journe (1,8 milioni di euro) e monete firmate Hermès (191.000 euro), Hublot (218.000 euro), Louis Vuitton (255.000), Bovet (255.000), Richard Mille ( 291.000 euro), Akrivia (236.000 euro) e De Bethune-Urwerk (273.000 euro).

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close