Cinema

Addio Anouk Aimée

Si è spenta a 92 anni l'attrice francese, tra le protagoniste del capolavoro di Federico Fellini

cript async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">

(Parigi)- E’ morta all’età di 92 anni l’attrice francese Anouk Aimée, l’indimenticabile Maddalena de “La Dolce Vita” di Federico Fellini, al fianco di Marcello Mastroianni. Fra i film che la videro protagonista, anche “Un uomo, una donna” di Claude Lelouch. L’annuncio è stato dato su Instagram dalla figlia dell’attrice, Manuela Papatakis: “Le ero vicino quando è morta questa mattina, nella sua casa di Parigi”.

L’annuncio della figlia Manuela

 Ad annunciare la morte dell’attrice è stata la figlia Manuela, avuta dal secondo marito Nico Papatakis (regista greco morto nel 2010). “Insieme a mia figlia Galaad e mia nipote Mila, siamo estremamente tristi di annunciare la partenza di mia madre Anouk Aimée. Le ero vicino quando è morta questa mattina, nella sua casa di Parigi”.

Musa di Federico Fellini

 Anouk Aimée è stata una delle attrici più iconiche del cinema francese e internazionale. Figlia d’arte, con una madre attrice e un padre attore, ha iniziato la sua carriera giovanissima, facendo il suo debutto sul grande schermo all’età di 14 anni con il film “La maison sous la mer” (1947). Federico Fellini la volle ne “La Dolce Vita” per interpretare Maddalena, la compagna libertina e malinconica delle scorribande notturne di Marcello Mastroianni. I due si trovarono di nuovo a fare coppia nel successivo “8 e 1/2”, dove la Aimée interpreta la moglie del divo italiano, alter ego di Fellini.

La candidatura all’Oscar grazie a Lelouch

 Durante la sua carriera Anouk Aimée ha girato film con Claude Lelouch, Jacques Demy, Sydney Lumet, George Cukor, Julien Duvivier e molti altri grandi registi. Era nata a Parigi nel 1932, il suo vero nome era  Nicole Dreyfus, e cominciò a recitare per il cinema negli anni Quaranta. La sua carriera decollò però negli anni Sessanta grazie alla Nouvelle Vague. Il film che l’ha resa immortale e’ stato “Un uomo, una donna” di Lelouch, al fianco di Jean-Louis Trintignant, che le valse una nomination agli Oscar.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio