Cinema

AUDREY HEPBURN , LA VITA IN UNA SERIE TV

Il soggetto della serie TV sarà “Audrey At Home”, libro bestseller scritto dal figlio di Audrey Hepburn, Luca Dotti

(Roma)- La vita di Audrey Hepburn sarà narrata in una serie TV che promette di far parlare di sé da critica e pubblico. Un progetto a dir poco ambizioso, considerando la grandezza della diva al centro della trama. A occuparsi della stesura dello script è Jacqueline Hoyt. Un nome che è garanzia di successo, essendo una delle sceneggiatrici di maggior successo a Hollywood. Ha lavorato infatti a show come “The Good Wife”, “The Leftovers”, “CSI” e il nuovo titolo “The Underground Railroad”. Quest’ultimo è un Progetto particolarmente atteso, essendo tratto da “La ferrovia sotterranea” di Colson Whitehead, vincitore del Pulitzer.

A occuparsi dello sviluppo è la società italiana Wildside, del gruppo Fremantle. Interessante il fatto che il soggetto alla base della serie TV sia stato scritto dal figlio di Audrey Hepburn, Luca Dotti, con Luigi Spinola. I produttori esecutivi saranno Mario Gianani, CEO di Wildside, Lorenzo Gangarossa, Ludovica Damiani, Luca Dotti e Luigi Spinola.

Andrea Scrosati, COO di Fremantle, si è espresso in merito al progetto dedicato alla vita di Audrey Hepburn: “Il nostro obiettivo per Audrey sarà quello di produrre un contenuto nato a livello locale, ma rivolto a una platea mondiale. Credo che il team creativo riunito abbia le caratteristiche ideale perché ciò accada”.

La serie TV prenderà spunto da “Audrey At Home”. Questo è un libro best-seller scritto da Luca Dotti e Luigi Spinola. Nelle sue pagine viene presentata una versione meno nota di Audrey Hepburn. Ciò che il mondo conosce è l’aspetto pubblico, l’attrice di fama mondiale, la diva.

In questo libro si scopre invece la madre e la filantropa. Viene messa in mostra la sfera privata, tra aneddoti, ricette, disegni e foto di famiglia. Un gran materiale per imbastire una sceneggiatura degna di nota, pronta a differenziarsi in maniera netta da qualsiasi altra produzione sia stata portata in precedenza sul piccolo schermo.

«Per Audrey il nostro obiettivo sarà ancora una volta quello di produrre un contenuto nato a livello locale ma rivolto a una platea mondiale.

Credo che il team creativo riunito dalla Wildside e il progetto stesso abbiano le caratteristiche ideali perché questo accada», ha dichiarato Andrea Scrosati, a capo di Fremantle Media, società produttrice della serie a venire. Audrey, titolo scelto per lo show, dovrebbe raccontare quel che Luca Dotti, figlio dell’attrice, ha cercato di ricordare nel suo libro: una serie di dettagli privati, di sfumature umane utili a capire come e quanto esista oltre i confini tracciati dalla notorietà. La serie televisiva, della quale ancora non è stato annunciato alcun protagonista, sarà sceneggiata dalla Jacqueline Hoyt di The Good Wife.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button