Cinema

David Donatello: “Le Otto Montagne” miglior film

Delusione per Gianni Amelio, a mani vuote nonostante le undici candidature

(Roma)-I David di Donatello hanno incoronato “Le Otto Montagne” con Luca Marinelli e Alessandro Borghi il miglior lungometraggio del 2023, mentre Marco Bellocchio si è portato a casa il riconoscimento per la miglior regia con “Esterno Notte”, film in sei parti sul rapimento di Aldo Moro. Barbara Ronchi e Fabrizio Gifuni sono stati premiati come migliori attori protagonisti. Tra gli ospiti Matt Dillon e Matteo Bocelli.

Otto Montagne miglior film

A trionfare nella notte di gala dei David Donatello è stato “Otto Montagne” di Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersh, con protagonisti Alessandro Borghi e Luca Marinelli. Un film tratto dall’omonimo libro: “L’ho letto e ho detto ‘sì, lo faccio’. E’ stato un viaggio e un gruppo incredibile”, ha commentato Felix van Groeningen ricevendo la quarta statuetta (migliore autore della fotografia, migliore sceneggiatura non originale e miglior suono, le altre). “Grazie per questa dichiarazione d’amore, amiamo l’Italia tanto. Che bello”, gli ha fatto eco commossa Charlotte Vandermeersh. Il David esordio alla regia è andato invece a “Settembre” di Giulia Louise Steigerwalt.

Marco Bellocchio miglior regista: “Non me l’aspettavo” A “Esterno Notte”, film di Marco Bellocchio sul rapimento di Alldo Moro, sono andati i riconoscimenti per il miglior attore protagonista (Francesco Gifuni), il miglior montaggio, il miglior trucco e la migliore regia. “Non me l’aspettavo questo premio, però l’accetto… Sapete, quando si ha una certa età si diventa saggi, l’importante è non fermarsi e mi auguro di avere ancora un po’ di tempo per fare delle cose belle”, ha commentato il regista. Chi, invece, forse si aspettava di più è Gianni Amelio che, nonostante le undici candidature a “Il signore delle formiche”, è tornato a casa a mani vuote.

Barbara Ronchi e Fabrizio Gifuni miglior attori

Tra gli attori i premi nelle categorie principali sono andati a Barbara Ronchi (“Settembre”) e Fabrizio Gifuni (“Esterno Notte”). Emanuela Fanelli (“Siccità”) e Francesco Di Leva (“La Nostalgia”), sono stati premiati come migliori interpreti non protagonisti.

 

Gli altri vincitori

Il David alla Carriera 2023 è andato a Marina Cicogna, due invece i David Speciali: a Isabella Rossellini , e a Enrico Vanzina ( con polemica della vedova di Carlo Vanzina ). “Il grande giorno”, diretto da Massimo Venier con Aldo, Giovanni e Giacomo è il film vincitore del David dello Spettatore, mentre a “Le variabili dipendenti” di Lorenzo Tardella è andato il David di Donatello per il Miglior cortometraggio. Tra gli altri premi quello alla miglior canzone andato a “Proiettili” cantata da Elodie nel film “Ti mangio il cuore”, mentre il miglior documentario è andato a “Il cerchio” di Sophie Chiarello.

 

Mattarella: “Un problema la presenza in sala”

Dal Quirinale il  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ieri mattina aveva inoltre omaggiato Gina Lollobrigida e ricordato che “questa giornata è la festa del cinema italiano ma anche una importante vetrina. Ogni anno è un punto di avanzamento”. Il Capo dello Stato aveva aggiunto che il Premio David di Donatello esprime la “storia del cinema, che è storia italiana. Tra i problemi, vi è quello che riguarda le presenze nelle sale cinematografiche. I tanti nostri ‘Nuovo Cinema Paradiso’ che rappresentano un patrimonio di socialità. Non vanno ignorati i problemi, ma nel cambiamento il cinema può certamente vincere la sua partita”.

cript async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio