Cinema

È morta Louise Fletcher, l’infermiera da Oscar di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

L'attrice aveva 88 anni. Nel Nel suo discorso di accettazione del premio nel 1976 aveva usato per prima il linguaggio dei segni per ringraziare i suoi genitori non udenti

( Montdurasse, Francia)- Il mondo la ricorderà come la spietata infermiera Mildred Ratched di Qualcuno volò sul nido del cuculo, l’adattamento di Milos Forman dell’omonimo romanzo di Ken Kesey del 1962. Spietata nel gestire gli ospiti del manicomio dove è ricoverato Randle Patrick McMurphy ovvero Jack Nicholson. L’attrice americana Louise Fletcher è morta “nel sonno circondata dalla famiglia nella sua casa di Montdurausse”, in Francia, ha detto il suo agente David Shaul. Aveva 88 anni. Per il film con Jack Nicholson aveva vinto un Oscar nel 1975 mentre per la sua partecipazione alla serie tv Star Trek: Deep Space Nine 4 premi Online Film & Television Association alla fine degli anni Novanta.

Nata a Birmingham, 22 luglio 1934, figlia udente di genitori sordi, aveva iniziato la sua carriera in tv dopo che una zia che le aveva insegnato a parlare l’aveva avvicinata alla recitazione. Quaranta e più anni prima di Coda, il film premio Oscar di quest’anno e dieci prima di Figli di un Dio minore che aveva premiato l’attrice sorda, Marlee Matlin, Fletcher nel ’76 nel suo discorso di accettazione dell’Oscar aveva usato il linguaggio dei segni per ringraziare i suoi genitori non udenti. Qualcuno volò sul nido del cuculo è stato il primo film in più di quattro decenni a conquistare allora le principali categorie di miglior film, regista, attore, attrice e sceneggiatura. È stato nominato per altri quattro Oscar ed è stato anche un notevole successo al botteghino. L’interpretazione dell’infermiera di Fletcher fu così memorabile che 45 anni dopo la piattaforma di streaming Netflix ha realizzato una serie chiamata Ratched nel 2020, che racconta la storia delle sue origini. Nella lista dei cattivi cinematografici dell’American Film Institute è stata inserita come la quinta più feroce della storia.

È stata nominata agli Emmy per i ruoli da ospite in La famiglia Brock nel 1996 e in Joan of Arcadia nel 2004. Fletcher era tornata a recitare nel 1974 dopo più di un decennio trascorsi a crescere i suoi figli e ha dato una performance di supporto in Gang di Robert Altman. In Cruel Intentions – Prima regola non innamorarsi del 1999, ha interpretato un’aristocratica di Long Island geniale e di buon cuore. Altri titolo della sua filmografia sono L’esorcista II: L’eretico, con Richard Burton e Linda Blair; il fantascientifico Brainstorm, con Christopher Walken e Natalie Wood; Firestarter, con una giovane Drew Barrymore; e 2 giorni nella valle.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button