Cinema

Kirstie Alley, morta l’attrice di “Senti chi parla”

La star della tv e del cinema aveva 71 anni. E' deceduta dopo una breve battaglia contro il cancro

(Tampa , Florida)-Kirstie Alley è morta all’età di 71 anni.La notizia è stata data dai figli True e Lillie Parker: “Siamo rattristati di informarvi che la nostra incredibile, fiera e amorevole mamma ci ha lasciati dopo una battaglia con il cancro, scoperto solo di recente”. L’attrice è deceduta “dopo una battaglia contro un cancro che aveva scoperto di recente”. E’ popolare per le sue interpretazioni tra gli anni Ottanta e Novanta nella sitcom “Cin Cin e nel film “Senti chi parla”.

 

Il ricordo dei figli – “Era circondata dalla famiglia e ha combattuto con forza lasciandoci la certezza della sua infinita gioia di vivere qualsiasi cosa fosse successa. È stata iconica sullo schermo così come è stata una madre e una nonna meravigliosa”, affermano i figli su Instagram.

 

La biografia – Kirstie Alley era nata a Wichita, Kansas, nel 1951 e si era trasferita nel 1980 a Los Angeles, con il sogno di diventare attrice. La sua carriera cinematografica era iniziata nel 1982 con “Stark Trek II”. La svolta arriva nel 1991 con il ruolo di Rebecca Howe nella serie di grande successo “Cin cin” Grazie a questo conquistò un Golden Globe e il suo primo Emmy. Il secondo arrivò nel 1994 con “David’s Mother”, in cui interpretava la madre di un teenager autistico. Sul grande schermo è stata protagonista in “Sulle tracce dell’assassino”, “Scappatella con il morto”, “Bella da morire”, “Harry a pezzi”.

Il ricordo di John Travolta – La notizia della sua morte rimbalza sui social e molte star la ricordano. Lo fa John Travolta, che con lei è stato protagonista dei tre film della serie “Senti chi parla”: “E’ stata una delle migliori persone che abbia mai conosciuto”, aggiungendo “Ti voglio bene, so che ci rivedremo ancora” scrive l’attore.

 

Alti e bassi – Kirstie Alley ha trascorso una vita segnata tra cadute e rinascite. A trent’anni aveva perso la madre, morta in un incidente stradale (provocato da un ubriaco), poi il divorzio dal primo marito e le difficoltà a trovare un ruolo sul piccolo schermo l’avevano spinta alla dipendenza dalla cocaina. Dopo il successo tra cinema e tv, negli anni Duemila è ricaduta nel vortice della depressione e della dipendenza: dopo il secondo divorzio e le nuove difficoltà nel trovare lavoro, l’attrice diventa bulimico, al punto da ingrassare e superare i cento chili. Nel 2005 è protagonista della sitcom “Fat actress”, ispirata alla sua esperienza di attrice rapidamente dimenticata perché il suo aspetto non rispondeva più alle esigenze dello showbiz. Fu uno dei primi eventi online. Questa esperienza è diventata anche un’autobiografia, “How to lose your ass and regain your life. Reclutant confessions of a big-butted star”. Dopo anni di cure, ritroverà la forma fisica e un po’ di serenità.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button