Cinema

Prima degli Oscar, le piattaforme di streaming erano popolari tra i produttori di Hollywood

Segno di un'industria in rapida evoluzione, Netflix e Amazon regnano sovrani sulle nomination per il premio dalla Producers Guild of America.

(Los Angeles)- I giganti dello streaming continuano la loro ascesa nell’industria cinematografica. Il duo Netflix e Amazon ha appena ottenuto più della metà delle nomination nella categoria cinema per i premi della Hollywood Producers Association. Una vera e propria consacrazione che consolida il loro nuovo status, in un anno sconvolto dalla pandemia Covid-19.

Sei dei dieci film selezionati dalla Producers Guild of America (PGA) vengono proiettati attraverso piattaforme di video-on-demand, mentre i cinema hanno appena iniziato a riaprire a New York e sono ancora chiusi a Los Angeles per quasi un decennio “. un anno, a causa delle misure sanitarie legate al coronavirus.

A Netflix, il dramma The Seven of Chicago sembra avere le maggiori possibilità di vincere un trofeo, davanti a Mank e The Blues of Ma Rainey . Amazon – che lo scorso anno non era nella competizione PGA – può contare su Borat 2 , già premiato ai Golden Globes, oltre a One Night in Miami e Sound of Metal .

I PGA sono considerati un barometro relativamente affidabile in vista degli Oscar che verranno assegnati alla fine di aprile. Composta da circa 8.000 professionisti che fanno piovere e splende a Hollywood, l’associazione dei produttori ha premiato dieci degli ultimi tredici vincitori dell’Oscar per il miglior film. Né Netflix né Amazon hanno ancora vinto la prestigiosa categoria.

Poiché la pandemia ha costretto gli studi a posticipare l’uscita di grandi produzioni, il film intimo Nomadland sta emergendo come uno dei principali favoriti di questa stagione di premi. Prodotto dall’affiliata Disney Searchlight, il film di Chloe Zhao è stato incoronato Golden Globe ed è anche in lizza per il PGA.

I Warner Studios sono rappresentati da Judas and the Black Messiah mentre la Universal scommette su Promising Young Woman . L’unico produttore indipendente a gareggiare quest’anno è A24, per Minari, che presenta una famiglia di americani di origine sudcoreana che si trasferisce in campagna in cerca di una nuova vita.

Come i Golden Globe, la giuria del PGA premia anche le produzioni televisive. Quest’anno, i nuovi arrivati Bridgerton e Ted Lasso entrano in gara, affrontando il perenne favorito The Crown . I trofei verranno assegnati il ​​24 marzo con una cerimonia virtuale.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button