ESCLUSIVE

Matrimonio a tutti i costi

Michelle Carpente conduttrice del programma di successo "Matrimonio a tutti i costi" si racconta nell’intervista al nostro magazine

Laureata in mediazione linguistica presso l’Università La Sapienza di Roma, Michelle Carpente ha arricchito il suo bagaglio formativo frequentando la Scuola Teatro Azione, dove si è diplomata in recitazione. Emerge come un personaggio poliedrico nell’ambito dello spettacolo, rivestendo ruoli che spaziano dall’attrice alla conduttrice fino all’autrice televisiva. Negli ultimi anni, ha rafforzato le sue abilità come organizzatrice di eventi, concentrando la sua attenzione soprattutto sull’ambito dei matrimoni. Questa vocazione l’ha portata a guidare l’esperienza televisiva di “Matrimonio a tutti i costi”, così come ha fatto in passato con il programma  “Matrimonio a sorpresa in Italia”. Abbiamo fatto due chiacchiere con lei  , per farci raccontarenei dettagli come nasce questo eccellente prodotto televisivo .

Ci racconti come nasce questa bellissima esperienza alla guida del format tv “Matrimonio a Tutti i costi”?
“Nasce dall’idea di voler raccontare anche un’altra verità sui matrimoni. Sui social ed in tv si vedono solo matrimoni di lusso. Esistono invece coppie che si sposano investendo dei budget più piccoli e a volte questo comporta anche molte difficoltà perchè spesso ci si affida a non professionisti pur di risparmiare e questo può portare a dei veri disastri! In questo format le coppie hanno una wedding planner e questo certamente aiuta. Se si ha un budget limitato non si investe nella figura del wedding planner e spesso gli sposi devono risolvere da soli problemi last minute.  Quindi mi piace l’idea di aiutare le persone a sposarsi creando qualcosa di originale che diversamente non riuscirebbero a fare facendo anche capire quanto sia fondamentale il mio ruolo che ovviamente ha un costo giustificato dalla mole di impegno e fatica che si deve fare ogni volta per mettere in piedi un evento”.
Come sono state scelte le coppie protagoniste delle quattro puntate?
“La prima domanda che abbiamo fatto è : siete disposti a sposarvi nel giro di poche settimane?Non tutti erano disposti a farlo perchè senza un wedding planner difficilmente le coppie pensano sia possibile organizzare tutto in poco tempo, invece non è sempre così.  Quindi quella risposta, quando positiva, ci ha dato un’informazione importante: comprendere chi era realmente motivato a sposarsi con “matrimonio a tutti i costi” e quindi disposti a sposarsi affrontando la difficoltà di un matrimonio fai da te, comprese anche alcune proposte da me fatte agli sposi, non propriamente convenzionali!”.
Cosa ti appassiona di più di questo format ?
“La possibilità di proporre veramente idee originali. Gli sposi si affidano molto e posso proporre loro tante tendenze oltreoceano che qui in Italia hanno meno appeal perchè siamo più legati alla tradizione”.
Come sei divenuta  wedding planner?
“Organizzando il mio matrimonio, poi quello delle amiche e poi ho deciso di formarmi nel campo degli eventi a Londra. Quindi anche qui, la gavetta non è mancata… “.
 
Tre cose a cui non puoi assolutamente rinunciare nella vita ?
“La mia famiglia, la mia indipendenza, sognare…”.
 
Come ami trascorrere il tuo tempo Libero?
“Viaggio quando posso,  mi piace prendere qualche giorno libero per me e raggiungere gli amici che vivono fuori dall’Italia o che vedo poco perchè molto impegnata tra lavoro e famiglia. Oppure mi sdraio sul divano e divoro serie tv!”.
 
Se non avessi intrapreso questo percorso professionale, chi saresti oggi?
“Difficile dare una risposta…Ho iniziato facendo l’attrice, poi presentatrice tv, contestualmente content creator e wedding planner. Diciamo che non è stato un percorso lineare ma mi ha portata oggi ad unire le mie esperienze pregresse con il presente, quindi il format tv sul wedding è il cerchio che si chiude! Ho fatto talmente tante cose che mi è difficile rispondere con un’altra figura professionale…Forse avrei fatto giurisprudenza perchè stavo per segnarmi ma non sono certa sarei diventata avvocato”.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio